• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

6.204 visite

Fare sesso può far male alle donne: ecco perchè

Fare sesso può far male. Anzi: i rapporti sessuali dolorosi sono la regola per il 17% delle donne che salgono al 44% in menopausa. Tutte le cause e i possibili rimedi per una malattia che incide sull’intimità di coppia.

Fare sesso può far male. Anzi: i rapporti sessuali dolorosi sono la regola per un numero di tutto rispetto di donne italiane, il 15% di quelle in età fertile e addirittura il 44% di quelle in menopausa. La conseguenza? Serie ripercussioni sulla qualità della vita e sul rapporto di coppia. Sono dati che arrivano dalla Fondazione Graziottin con l´Associazione italiana vulvodinia.

 

Leggi anche: Così la Candida influisce sul sesso

 

Le cause della vulvodinia
Tra i fattori scatenanti di questo disturbo, ci sono quelli biologici (infezioni recidive da candida o pelviche, endometriosi, iperattività del muscolo che circonda la vagina, stipsi fin dall´infanzia), quelli di tipo psicosessuale (paure, inibizioni educative o disturbi d´ansia), ma anche i preliminari sessuali frettolosi, i conflitti col partner e la scarsa compatibilità anatomica.

“Si tratta di problemi frequenti”, spiega Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia del San Raffaele Resnati di Milano, che al dolore della donna ha dedicato la Fondazione che porta il suo nome, “ma che sono tabù per i medici: non esiste una cultura specifica per affrontare il dolore sessuale in modo rigoroso e mirato e vi è una scarsa attenzione a tutti quei disturbi ‘di genere’ direttamente o indirettamente correlati alla sessualità femminile e che spesso le donne faticano a confessare. Trascorrono in media 6-7 anni prima di una diagnosi”.

 

Leggi anche: Sesso e coppia: ecco perchè l’uomo non deve irritare la donna

 

Sintomi della vulvodinia
Ma quali sono i segnali da non sottovalutare? “La difficoltà a inserire il tampone interno, spesso dovuta non alla scarsa dimestichezza, ma a un ipertono muscolare o a un imene troppo stretto o rigido”, spiega la Graziottin.

“Se poi è normale che al primo rapporto sessuale si avverta dolore (un problema che riguarda due ragazze su tre), nelle occasioni successive il dolore durante la penetrazione non deve più verificarsi”.

 

Leggi anche : Emorragia dopo il sesso, ecco perchè

 

Consigli pratici per risolvere il problema
Anche alcuni consigli pratici possono essere d´aiuto: indossare biancheria intima di cotone bianco, preferire le gonne, usare protezione intima in fibre naturali, detergenti a pH 5, non profumati.

In caso di vulvodinìa (la sensazione dolorosa cronica che interessa la regione vulvare), evitare esercizi fisici che comportino un eccessivo sfregamento e frizione, come la bicicletta.

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}