• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.207 visite

Quanto sole dovremmo prendere ogni giorno: ecco la risposta

Abbronzarsi fa bene, ma bisognerebbe esporsi poco e spesso. Ecco quanti minuti…

Ormai dovremmo avere imparato che prendere il sole senza protezioni – creme solari adatte al nostro tipo di carnagione – rappresenta un vero rischio per la pelle: in particolare, il pericolo del melanoma, il tumore della cute.

Nessuno però ha mai detto di evitare del tutto di esporci ai raggi solari. Anzi, più spesso lo si prende, più benefici avremo per la salute. E proprio nel senso di proteggerci dal temutissimo melanoma. L’importante è esporsi per periodi molto brevi.

 

 

Uno scudo naturale

Poco sole preso tutti i giorni protegge dal melanoma. Un´esposizione solare moderata e costante non solo è un antidepressivo naturale, ma riduce il rischio e la mortalità per melanoma del 16%, che invece cresce del 70% se ci si espone in maniera occasionale e senza precauzioni.

A dirlo sono gli esperti della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST).

Il sole senza eccessi ha una dimostrata azione anticancro anche sui tumori viscerali più frequenti, come quello del colon-retto o il cancro alla prostata, grazie all´azione di sintesi della vitamina D. Aumentando quindi la sintesi di vitamina D fino a 40 microgrammi, prendendo il sole nella bella stagione ogni giorno per 20 minuti, significa ridurre del 17% l´incidenza e del 19% la mortalità dei tumori cutanei.

 

Leggi anche: Il sole “fissa il calcio”, ma che vuol dire?

 

Protezioni sì, ma senza esagerare

E attenzione anche a proteggersi troppo dal sole, dicono gli esperti, perchè esagerare con le creme solari e cibi antiossidanti fotoprotettivi come cioccolato, vino rosso e tè nero, potrebbe compromettere la sintesi di vitamina D necessaria. Al convegno vengono presentati i risultati di vari studi.

L´Università del New Mexico su 528 pazienti con melanoma ha scoperto che l´esposizione al sole è inversamente correlata alla mortalità per il tumore, mentre la revisione di 39 studi condotti su oltre 10mila pazienti ha confermato che l´esposizione solare saltuaria e senza precauzioni è associata al rischio e alla mortalità per melanoma, mentre il sole preso in maniera regolare e prudente riduce l´incidenza e la malignità del tumore, diminuendo il rischio di metastasi.

“Sono ben noti a tutti i danni cutanei acuti e cronici dell´esposizione al sole, che vanno dall´eritema all´invecchiamento, dalle ustioni ai tumori cutanei”, spiega Torello Lotti, della Sidemast.

“Si dimentica però sempre più spesso quali siano i benefici di una corretta esposizione solare ed è forse giunto il momento di ridiscutere l´attuale politica sull´esposizione solare”.

Ma quanto tempo possiamo esporci al sole sena correre rischi?

 

Leggi anche: Quanto sole dovremmo prendere ogni giorno? Ecco la risposta

 

Ogni stagione ha il suo tempo di esposizione al sole

Quanto bisognerebbe stare al sole per assumere la giusta dose di vitamina D?

 

(segue)

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}