• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.498 visite

Prova costume, le 3 regole alimentari che rimettono le cose a posto

Ritroviamo in tavola la forma perduta

13Gran parte degli italiani non ha nemmeno fatto in tempo a digerire uova, colombe e stravizi annessi con la Pasqua che già puntano il mirino sull’obiettivo principe della bella stagione: la fatidica prova costume, a cui è impossibile presentarsi inadeguati.
È stato calcolato che sette nostri connazionali su dieci, alla fine di aprile,-inizio maggio sono pronti a rimettersi in riga per conquistare la taglia agognata: 42 per le donne, 48-50 per gli uomini.
Ma siamo davvero disposti a tutto pur di presentarsi in regola all’appuntamento con la spiaggia?
Non sempre. Troppo spesso ricorriamo a strategie poco razionali e di scarso successo. E così, solo il 27% dei nostri connazionali finiscono per battersi con coraggio fino a quando l’ago della bilancia non si ferma sul numero desiderato.
Quasi un quarto degli italiani (il 22%) abbandona la lotta prima di raggiungere il risultato.
Il motivo? Troppo spesso ci si affida al fai-da-te invece di ricorrere all’aiuto di un esperto.
Perdere peso in fretta,invece,  è qualcosa che si ottiene solo attraverso una dieta elaborata da uno specialista. Inutile allora riempire il frigo di sola acqua, frutta e verdura, oppure “sfrenarsi” con sedute in palestra, o partite di tennis, perché i risultati potrebbero essere molto deludenti.
Rimettersi in riga significa affidarsi anzitutto ad un’alimentazione sana. Il segreto di base sta nel diminuire l’apporto calorico, e renderlo più equilibrato, in modo da eliminare le scorie e i chili di troppo accumulati durante i mesi invernali.
Ecco alcune semplici regole, che forse già conoscete, ma che fa sempre bene ricordare.
1) Cercate di variare il più possibile la vostra tavola. Il corpo umano ha bisogno di più di 40 nutrienti diversi per una buona salute. Ma queste preziose sostanze dovrebbero derivare da cibi vari e numerosi, non da pochi e sempre gli stessi. Nemmeno se particolarmente nutrienti.
2) Ricordate il principio base del “five a day” (cinque al giorno): nei pasti della giornata dovremmo mangiare complessivamente cinque porzioni tra frutta e verdura. Perché è il modo migliore per rifornire l’organismo di sostanze preziose per l’organismo come le fibre, le vitamine e i sali minerali.
3) Riducete lo zucchero, ma soprattutto il sale. Stop ai dolci, alle bevande gassate tipo cola, via libera al dolcificante nel caffè. Il gelato? Se proprio non riuscite a farne a meno, non più di uno al giorno. E rigorosamente alla frutta.
Parla il nutrizionista Sorrentino

Abbiamo chiesto a Nicola Sorrentino, specialista in Scienza dell´alimentazione dietetica, docente di igiene nutrizionale e crenoterapia presso la scuola di specializzazione in idrologia medica dell´Università di Pavia, di darci qualche dritta per affrontare i diversi problemi legati al leggero sovrappeso.

(segue)…..

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}