• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.170 visite

Prostata, come difenderla e curarla

Prostata, le regole della prevenzione, le terapie e gli stili di vita per proteggere la ghiandola maschile più importante e a rischio

Quando si parla di prostata, l’atteggiamento della stragrande maggioranza degli uomini è lo stesso: minimizzano, mettono la testa sotto la sabbia, si preoccupano solo quando salta fuori qualcosa che non va.

Ebbene, è il modo più sbagliato di porsi. Perché il tumore della prostata è oggi la prima causa di morte per l’uomo, subito prima di altri tumori letali come quello ai polmoni e di quello al colon (secondo i dati della Wold Foundation of Urology).

 

L’arma in più è la prevenzione
La difesa più efficace è – come sempre – la prevenzione. “Il tumore della prostata è considerato uno dei più facilmente diagnosticabili e curabili”, spiega il professor Mauro Dimitri, chirurgo urologo e presidente della World Foundation of Urology. “Oggi la sopravvivenza è considerata molto alta: il 60% dopo 10 anni dall’intervento. Ma la tempestività della diagnosi è essenziale: prima si individua il tumore, meglio si può intervenire per circoscriverlo, estirparlo, impedirgli di fare danni”.

 

Leggi anche: Prostata, così previeni il tumore più pericoloso

 

Quando sottoporsi ai controlli
Se un tempo gli specialisti invitavano a fare la prima visita dall’urologo allo scoccare dei 50 anni, oggi i limiti si sono spostati anticipati. “Già a 45 anni diventa davvero necessario sottoporsi a una visita specialistica”, dice ancora Dimitri. “Anche prima, a 40 anni, se c’è un fratello o il papà con problemi con la prostata”.
Dal giorno della prima visita, quelle successive vanno fatte al ritmo di una ogni 12 mesi: “E’ il solo modo per individuare l’eventuale presenza delle due patologie che colpiscono questo organo: l’ipertrofia prostatica benigna e il tumore”.

 

I sintomi dell’ipertrofia prostatica benigna
Come si riconosce l’ingrossamento della prostata? Si chiama ipertrofia prostatica ed  i segnali sono inequivocabili: di solito si avverte un frequente stimolo a urinare, sia di giorno sia di notte; si ha la sensazione di non riuscire mai a svuotare del tutto la vescica; e si registra un calo del flusso dell’urina.

 

 

Leggi anche: Prostata, stop al tumore ma non al sesso

 

I sintomi del tumore della prostata
Il tumore della prostata è molto più infido e pericoloso del semplice ingrossamento: “Procede in modo lento, senza dare segno di sé e senza provocare disturbi particolari. Il rischio è che progredisca silenzioso fino ad arrivare a un punto in cui è addirittura difficile intervenire”, conclude Dimitri.
Ci sono modi per riconoscerlo? Quali sono i campanelli d’allarme più frequenti? Secondo la Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), se ne possono elencare 8. Ma va chiarito che ciascuno di essi non necessariamente è rivelatore della presenza di un tumore della prostata, perché può essere collegato ad altre patologie in corso. In ogni caso, è sempre bene parlarne con il medico di fiducia:

  1. Difficoltà a cominciare a urinare.
  2. Bisogno di urinare spesso.
  3. Sensazione di non riuscire a urinare in modo completo.
  4. Dolore durante la minzione.
  5. Sangue nelle urine o nel liquido seminale.
  6. Senso di peso nella zona retto-vescicale.
  7. Dolore alle ossa.
  8. Difficoltà di erezione.

 

Prostata, Sai quanto rischi? Scoprilo con  IL TEST

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}