• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

605 visite

I profumi del  2018? Perchè la salute fa tendenza nella bellezza che verrà

I profumi nel 2018 ? se volete essere alla moda o anticipare le tendenze  che verranno, annotate queste  “dritte” che vengono direttamente da chi di cosmetici e profumi non solo se ne intende, ma li produce per l’Italia e per il mondo, dunque non può sbagliare.
 Il mondo dei profumi
Intanto diamo qualche numero elaborato dal Centro studi Cosmetica Italia. I profumi made in Italy sono fra i più apprezzati nel mondo  ed hanno una differente importanza  per i sessi.  Pur essendo  un  business da un miliardo di euro l’anno che non risente della crisi, pari al 12,8% dei consumi di cosmetici totali, per gli uomini sono il primo capitolo di spesa della bellezza ( il 17,8%) , mentre le   donne sono solo il quinto rappresentando solo l’11% della loro spesa annua di cosmetici.

 

Leggi anche: Cosmetici maschili: ecco come regolarsi

Quali profumi  andranno in Italia
I cosmetologi quando fanno investimenti  milionari difficilmente sbagliano. E dunque per capire quali saranno i profumi che andranno basta seguire le loro previsioni.

Scopriamo così nei prossimi  3-5 anni le parole d’ordine di tendenza sono 3:
Personalizzazione:  uomini e donne dicono basta ai profumi uguali per tutti e andranno alla ricerca del profumo personalizzato, quello che  risponde ad un’esigenza personale. La società, dicono i Guru della bellezza, è cambiata e considera il profumo non più oggetto di distinzione sociale,   segnale di appartenenza ad un gruppo, bensì oggetto di soddisfazione personale, strumento del ben-essere, inteso come ciò che  fa star bene chi lo indossa.

 

Leggi anche: Cosmetici falsi? Non sempre sono innocui

Tag:
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}