• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.260 visite

Primi capelli bianchi? Ecco il colpevole

Più stressiamo le chiome con lavaggi frequenti e asciugature, più le scorie dell’organismo si accumulano sui follicoli

Primi capelli bianchi? Ecco il colpevole

Colpiscono ad ogni età, dopo i 30 anni, sono l’incubo delle donne e in molti casi l’angustia degli uomini.

Parliamo dei capelli bianchi che prima di arrivare a quel punto passano per la via intermedia dei capelli brizzolati. Solo che la questione è vissuta assai diversamente se colpisce la donna o l’uomo.

Per l’uomo i capelli brizzolati sono comunemente considerati un elemento di attrazione  o saggezza.  Nelle donne un campanello d’allarme  che obbliga alle tinture le quali, sappiamo, danneggiano a lungo andare i capelli.

Nella realtà scientifica, nient’altro che un segno di stress e cattiva cura del proprio corpo.

 

Cosa sono i capelli grigi e da cosa dipendono? 

I capelli grigi sono il risultato di un accumulo di radicali liberi nei follicoli. E più li stressiamo con lavaggi e asciugature, dieta sbagliata e molto altro, più facilmente la chioma diventerà brizzolata.

Lo dimostra uno studio in laboratorio su follicoli umani diretto da Karin Schallreuter della University of Bradford (Usa) e pubblicato sul FASEB Journal, la rivista della Federation of the American Societies for Experimental Biology.

Gli esperti hanno infatti dimostrato che i capelli si ingrigiscono quando nei follicoli si accumula un radicale libero, il perossido di idrogeno (la comune acqua ossigenata).

Leggi anche: L’olio d’oliva è il killer dei radicali liberi

Questo blocca l´enzima che produce la melanina, che dà colore ai capelli. Purtroppo il processo è irreversibile perché nel cuoio capelluto viene a mancare un altro enzima, la catalasi, che avrebbe il compito di “digerire” il perossido ed eliminarlo.

Leggi anche: Capelli: 8 cibi che sostituiscono il parrucchiere

Lo studio suggerisce dunque anche una via enzimatica per contrastare la perdita di colore della chioma, combattendo dall’interno i radicali liberi.

Leggi anche: Come mandar via lo stress… per sempre

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}