• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.309 visite

Pranzo in ufficio, 6 trucchi salva-dieta

Come mangiare bene alla scrivania del posto di lavoro senza rischi per la dieta e la salute

Di corsa, affannati per concludere un lavoro e allora… si finisce per consumare un panino davanti al computer dell’ufficio.
Niente di più sbagliato, soprattutto se si segue una dieta: non solo si rischia di incorrere in carenze nutrizionali, mangiando solo panini o pizzette farcite, ma, distratto dal lavoro, il cervello non invierà i giusti segnali di sazietà. Il risultato? Si è tentati di mangiare molto di più del necessario, a scapito della linea. Non parliamo poi del fatto che un tramezzino, giusto per fare un esempio, dopo tre ore fuori dal frigo potrebbe diventare terreno favorevole per i batteri.[correlata1]
Microbiologi dell’università dell’Arizona hanno riscontrato che la scrivania sulla quale in genere si mangia in ufficio, in termini di batteri è sporca 400 volte di più della tavoletta del water. Un bel record!

Se non siete ancora convinti che sia meglio fare una pausa all’ora di pranzo, piuttosto che rimanere incollati alla sedia, sappiate che c’è un altro motivo per cui vale la pena di alzarsi dalla sedia: il movimento, anche quello che richiede lo spostarsi dalla postazione di lavoro al bar sotto l’ufficio, è un ottimo alleato di qualsiasi dieta perché consente di mantenere elevato il metabolismo con una conseguente riduzione dei depositi adiposi e un graduale aumento della massa magra.[correlata2]

Pranzo in ufficio: i trucchi per non sbagliare


Premesso che è arrivato il momento di cambiare abitudini (sempre che non l’abbiate ancora fatto), se proprio volete continuare a ingrossare le fila dell’esercito di “irriducibili” del pranzo alla scrivania dell’ufficio, lasciate almeno che Diet@mica vi suggerisca sei consigli per rendere questo tipo di pasto più sano. E, soprattutto, rispettoso della linea.

1. Presta attenzione a ciò che mangi: continuando a tenere gli occhi sullo schermo del pc o su quella pratica, il cervello viene “distratto”. E così si rischia di mangiare molto più del necessario, contribuendo a far salire l’ago della bilancia.

2. Porta il pranzo da casa. No ai piatti pronti della rosticceria o della tavola calda: oltre al fatto che sono più costosi di quelli che potreste portare da casa, sono di sicuro più calorici. L’ideale sarebbe riuscire a ritagliarsi il tempo, al mattino, per preparare un’insalata con pollo, fagioli e verdure, ricca di nutrienti, comprese fibre e proteine.

3. Fai quattro passi. Cercate di muovervi più che potete, perché è il modo migliore per bruciare calorie. Lasciate la macchina più lontano possibile e quando siete in ufficio alzatevi ogni tanto dalla scrivania per arrivare alla stampante o alla fotocopiatrice o comunicare qualcosa al collega della stanza in fondo al corridoio (invece di chiamarlo al telefono).

4. Mangia in compagnia. Se proprio non potete (o non avete voglia di) allontanarvi dal posto di lavoro, cercate di mangiare insieme con un collega. Fare quattro chiacchiere vi aiuterà spezzare la giornata lavorativa e renderà il pasto più piacevole.

5. Non far diventare il pranzo in ufficio un’abitudine. Rimanete alla scrivania solo se è strettamente necessario. Appena possibile, uscite, anche solo per fare un giro dell’isolato.

6. Occhio ai batteri. La scrivania dell’ufficio è piena di oggetti a rischio di ospiti indesiderati per l’igiene: dal mouse alla tastiera, dal telefono alle pratiche, ai giornali… Se proprio decidete di restare alla vostra postazione di lavoro per mangiare, usate sempre un vassoio.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}