• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.073 visite

Pizza al taglio, occhio ai condimenti

Rappresenta un piccolo “must” davanti alla tv, per esempio, o quando si vuole fare un pasto “al volo” per godersi una bella giornata o gustarsi un cibo sfizioso senza per questo essere costretti a entrare in un fast food. Parliamo della pizza al taglio.
Rispetto alla classica tonda che trovate in pizzeria o al ristorante, quella al taglio ha una pasta più alta e soffice. È quindi appena più calorica.
Non lasciatevi ingannare da quella bianca (solo apparentemente più “leggera”, in realtà più calorica di quella al pomodoro, per esempio). E non dimenticate che lasciarsi attrarre dalle meraviglie che fanno capolino dietro al vetro del bancone, è pericoloso per la linea: tra le mille varietà a disposizione dei più golosi (ai gamberetti, alla rucola e parmigiano, alla nutella…), il rischio è di optare per pizze troppo ricche e farcite. Come salvaguardare la linea? Se proprio non riuscite a moderarvi, almeno preferite quelle condite con sottaceti o verdure al naturale: sono meno calorici dei cibi sottolio.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}