• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.375 visite

Più sei aggressivo e leader, meno rischi l’obesità

Un carattere solido e una posizione sociale elevata mettono al riparo dai chili di troppo. Anche se mangiano tanto, bruciano più energie

4 FEB – Chi è aggressivo o gode in un rango sociale elevato è meno a rischio di diventare obeso. È il risultato di una ricerca condotta da alcuni ricercatori dell´università di Parma e pubblicata sulla rivista “Plos One”. Abbiamo voluto studiare”, spiega Alessandro Bartolomucci, “come l´esposizione allo stress sociale e psicologico influisce sull´insorgenza di depressione, obesità e altri disturbi neurologici collegabili alla depressione”. In questo modo gli scienziati hanno rilevato un´estrema vulnerabilità all´obesità indotta dalla dieta nelle cavie sottoposte a continui stress e sconfitte sociali. “Al contrario”, continua Bartolomucci, “nei topi cosiddetti dominanti, più aggressivi e con uno status sociale elevato, abbiamo riscontrato una resistenza ai chili di troppo. A parità di cibo ingerito cioè, diventavano obesi gli animali subordinati”.
Un fenomeno da collegare ad una maggiore attivazione del sistema nervoso autonomo e del tessuto adiposo nei soggetti aggressivi. “Anche se mangiano tanto”, conclude il ricercatore, “bruciano più energie e sono più attivi dal punto di vista comportamentale. I topi sottomessi invece mangiano di più e si muovono poco, accumulando cosù massa grassa e presentando la sintomatologia della depressione”.

Redazione Staibene.it – 2009
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}