• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.183 visite

Pilates, perchè è il fitness che cura e fa tendenza

Pilates, perchè è il fitness che cura e fa tendenza: molto efficace nella riabilitazione dopo un trauma o un intervento chirurgico con le sue cinque varianti terapeutiche.

pilates

Il Pilates non è solo una disciplina fitness che fa tendenza, ma è anche una forma di attività fisica molto efficace  per recuperare da un infortunio, sostenere un programma di riabilitazione fisica dopo un intervento chirurgico o un qualunque trauma. Perché i benefici – rafforzamento dei muscoli posturali e dell´elasticità corporea e miglioramento della respirazione – sono un ottimo supporto alle terapie farmacologiche.

 

I punti di forza 
“Dopo un intervento, per esempio, si tende molto a limitare i movimenti che coinvolgono l´area compromessa”, spiega Elena Bassetto, psicologa, psicoterapeuta e istruttrice a Padova. “Con il Pilates invece si lavora sul riequilibrio di tutte le fasce muscolari e di tutte le parti del corpo, favorendo il recupero generale. Senza contare che gli esercizi sono regolari, facili da imparare anche senza particolari abilità fisiche né competenze specifiche, allungano e tonificano i muscoli, senza svilupparli o ingrossarli, come succede con il body building”.

 

Leggi anche: I principi base del Pilates

 

Cancro al seno e Parkinson
Negli Stati Uniti è nato il programma “Pink Ribbon” (fiocco rosa), un allenamento specifico per le donne operate di cancro al seno che combina esercizi di Pilates con altri specifici che lavorano sul benessere globale del corpo. Da poco “Pink Ribbon” è arrivato anche in Italia e Claudia Fink, formatrice senior, organizza corsi di formazione agli insegnanti.
Presso la Casa di Cura San Pio X di Milano, invece, si tengono corsi mirati per malati di Parkinson, in quanto il Pilates migliora alcuni aspetti invalidanti di questa malattia, come la rigidità, l´instabilità posturale e la mancanza di equilibrio.

 

 

Le varianti 
A parte la “versione classica” nata a New York agli inizi del ´900 per allenare i ballerini, oggi il Pilates si declina in diverse varianti.

Tra le più diffuse lo Yogilates che combina il Pilates allo yoga, puntando, oltre che sull´allenamento, su un rilassamento della mente. Comprende le posizioni di yoga che si basano su allineamenti precisi, sulla flessibilità, sulla concentrazione tramite un ascolto costante del respiro che guida ogni movimento.

Il Cardiolates, invece, utilizza un tappeto elastico (chiamato Rebound) su una superficie instabile, in modo da stimolare i muscoli a mantenere una posizione eretta e a potenziare, così, i benefici cardiovascolari.

 

Leggi anche: Pilates, in forma senza fatica

 

In acqua si pratica l´Acqualates, più dinamico e drenante, mentre il Tangolates è una fusione di  il Pilates e Tango che si esegue in coppia, realizzando esercizi in verticale, coreografie con passi, movimenti aerobici a ritmo di tango.

Il Facialpilates è una specie di ginnastica facciale anti-rughe centrata soprattutto sulla respirazione e il controllo, anche mentale, delle fasce muscolari, stimolando la microcircolazione di tutto il viso. Tra le adepte molti attrici americane, come Reese Witherspoon, Madonna e Sarah Jessica Parker (a Hollywood il Pilates, in tutte le sue forme, è molto praticato, tant´è vero che viene chiamato la “ginnastica delle star”) che lo utilizzano come effetto lifting in alternativa alla chirurgia.

Aeropilates è una panca attrezzata da tenere anche a casa che sviluppa la propria tecnologia attorno ai quattro cavi e il piano scorrevole che la compongono. Si possono eseguire gli esercizi aerobici da sdraiati, contribuendo a migliorare la salute cardiovascolare e a bruciare calorie, senza però sollecitare e affaticare né le articolazioni né i muscoli.

 

Leggi anche: Perchè il Pilates è meglio di palestra e pesi

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}