• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

532 visite

Sei pessimista? Non è colpa tua, ecco perchè

Chi ne A? portatore si sofferma di piA? sulle esperienze negative

Lo studio

Il gene in questione, chiamato ADA2b, è un “volto noto” ai ricercatori scientifici, ed è associato con l’attività del neurotrasmettitore e ormone norepinefrina.

Gli esperti canadesi hanno osservato il genoma, cioA? la mappa del Dna, di 200 individui precedentemente sottoposti a una sorta di “test del pessimismo”: il campione doveva cioA? leggere una serie di parole con connotazione negativa, positiva o neutra dal punto di vista emotivo.

Poi hanno chiesto loro di descrivere le parole appena lette. Hanno quindi notato che alcuni partecipanti si concentravano più sui vocaboli con valenza emotiva negativa, altri su quelli con valenza negativa.

Incrociando questi dati con quelli genetici è emerso che i “pessimisti” avevano nel proprio Dna questa variante genetica ADA2b e gli ottimisti no.

 

Il peso dei dettagli

Secondo gli esperti l’attenzione alle parole negative nel test è un segno che alcune persone nella loro vita quotidiana danno più peso ai dettagli negativi o pensano in negativo, soffermandosi sempre sui pericoli o sulle cose che non vanno.

 

RIDERE? FA BENE! SCOPRI PERCHE’…

 

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}