• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.210 visite

Perdonare fa bene alla salute

Perdonate il prossimo, vi sentirete meglio. Ecco perchè il perdono cambia il nostro equilibrio. Ecco come perdonare un amico, il partner e….

Perdonate il prossimo, vi sentirete meglio. Il consiglio arriva dalla  psicologa americana Charlotte vanOyen Witlvliet docente all´Hope Colege di Holland (Michigan), che da anni studia gli effetti positivi del perdono.
"Chi serba rancore" sottolinea la psicologa "ha solo svantaggi: stress, ansia, mal di cuore. Al contrario, chi impara a perdonare sorride di più ed è meno soggetto alla depressione.

Per fa sì che questi benefici siano duraturi, però, non basta perdonare una, due o tre volte. Deve diventare uno stile di vita.

Uomini e donne non hanno lo stesso atteggiamento di fronte al perdono: il gentil sesso ha più difficoltà a perdonare e tendono a serbare più a lungo il rancore. Il risultato? Aumento dell´ansia e della pressione sanguigna.
Perdonare un amico
Un amico vi ha fatto un torto e avete deciso di perdonarlo? Benissimo, ma tenete presente che perdonare non significa necessariamente:

1) Riconciliarsi – Potreste benissimo non volere rivedere mai più chi vi ha . Potreste benissimo non volere rivedere mai più chi vi ha offeso ma allo stesso tempo perdonarlo e magari neppure dirglielo: in questo modo vi libererete comunque del risentimento, che fa male alla salute.

2) Aspettarsi delle scuse – Per voi il torto subito può essere una cosa gravissima, ma se l´altro lo vede come una sciocchezza potrebbe non sentire il bisogno di scusarsi e non farlo mai. Anzi potrebbe esser lui ad aspettarsi delle scuse da voi. Dunque: se siete davvero intenzionati a perdonare fate voi il primo passo.

Le donne si spendono di più, in un rapporto di amicizia, raggiungono un livello di confidenza superiore con quelli che considerano "amici". E quando ne vengono deluse, si arrabbiano e si intristiscono molto più di quanto accade ai maschi in situazioni analoghe. Risultato: perdonano eventuali tradimenti con meno facilità.

A sostenere le differenze che, tra i due sessi, si manifestano davanti ai tradimenti degli amici è uno studio della Duke University (Usa) pubblicato sulla rivista scientifica "Child Development".

I ricercatori – guidati da Julie Paquette MacEvoy e Steven Asher – hanno mostrato a 267 bambini e bambine di 9-11 anni 16 ipotetiche situazioni di tradimento da parte di un amico o di un´amica con cui dovevano immaginare di avere a che fare.
Per ogni storia è stato chiesto loro di descrivere come si sarebbero sentiti nel caso in cui l´evento fosse realmente accaduto, come avrebbero interpretato il comportamento dell´amico e quanto l´avvenimento li avrebbe infastiditi.

Dall´analisi dei risultati è emerso che rabbia e la tristezza giocano un ruolo significativo quando ci si sente traditi o abbandonati da un amico.
Quanto conta il perdono nella coppia
Saper perdonare significa anche mantenere saldo e sereno un rapporto di coppia. Già, ma bisogna volerlo e imparare a mettere da parte la razionalità per analizzare ogni cosa con gli occhi del cuore. Sul piano razionale, infatti, si finisce per discutere su chi ha ragione o chi ha torto e non risolve il problema. Che fare allora?

Mettete da parte il rancore –  Può creare lacerazioni anche molto profonde. Offrite al partner la vostra disponibilità: perdonare non significa perdere una battaglia né umiliarsi, ma vuol dire accettare i difetti dell´altro e imparare addirittura ad amarli.

Via l´orgoglio –  La presunzione di avere ragione e la supponenza di chi sa (o crede) di esser nel giusto inaspriscono le lacerazioni. Meglio allora dimenticare l´orgoglio e trovare il coraggio per praticare la nobile arte del perdono.
Detto ciò, non resta che provare e, nel caso cogliate  consultare un decalogo, ecco le 

  • Redazione Staibene

    I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

    E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    }