• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

13.302 visite

Ma cosa ci trovano gli uomini nel seno delle donne?

Ecco perché lui perde la testa per le curve di lei

La stragrande maggioranza degli uomini è capace di perdere la testa davanti al seno di una donna  come si deve. E in ogni caso, qualunque uomo si sente attratto dal seno. Ed è così dalla notte dei tempi. Qual è il motivo? La scienza ha provato ad approfondire l´argomento ed è giunta a diverse conclusioni.

 

Un richiamo erotico
Ha cercato di capire, per esempio, perché – pur non essendo implicato direttamente nella riproduzione – rappresenti sempre l´essenza della femminilità e un richiamo erotico molto forte. Ebbene, secondo gli antropologi la forma del seno femminile ricorderebbe quella delle natiche e avrebbe iniziato a sostituirle come richiamo sessuale quando l´uomo ha assunto la posizione eretta e ha inziato ad accoppiarsi frontalmente.

 

 

Leggi anche: L’attrazione fisica?Questione di olfatto

 

 

Alla base dell´evoluzione umana
L´ultima teoria sul seno, in ordine di tempo, si deve al professor Larry Young, docente di psichiatria alla Emory University (negli Usa): l´attrazione maschile per il seno femminile non sarebbe altro che la conseguenza dell´evoluzione umana.
Il docente statunitense spiega che le basi neurologiche di comportamenti sociali complessi, tra i quali rientra anche questa attrazione per il seno, sono il risultato di circuiti neuronali originari costituiti sul legame affettivo che lega la madre ai figli fin dal momento dell´allattamento. Questo comportamento istintivo viene trasmesso sia alle femmine che ai maschi e contribuisce a rafforzare il legame di coppia tra genitrice e prole. Nel caso dei maschi, la conseguenza è che – anche da adulti, come accade ai bambini – gli uomini amano il seno perché inconsapevolmente è il segnale di un legame mai dissolto con la madre.

 

 

Leggi anche: Come cambia il sesso con il seno rifatto

 

 

Il ruolo dell´ossitocina
Non solo: nel corso dell’allattamento, i capezzoli delle mamme, stimolati a produrre latte, fanno attivare nel cervello la produzione di ossitocina, il cosiddetto “ormone del benessere” o “dell´amore”, che aiuta la madre a focalizzare la sua attenzione sul bambino, instaurando con questo un legame “eterno”. Allo stesso tempo, nell´ambito di una coppia e durante un rapporto sessuale, la stimolazione dei capezzoli aumenta l’eccitazione sessuale nella maggioranza delle donne, attivando le stesse aree di quella vaginale e clitoridea.

 

Un legame duraturo
Secondo Larry Young, se il partner durante un rapporto sfiora i capezzoli o si dedica comunque al seno, può far scattare a livello empatico e affettivo un legame forte e univoco: nel cervello femminile si libera l´ossitocina, che servirà ad alimentare il contatto emotivo verso il compagno.
Insomma, la chiave di un legame duraturo e stabile – indispensabile per consentire alla specie umana di procreare e proteggere i figli – partirebbe anche dal rapporto che c´è tra il maschio e il seno femminile.

 

 

Seduzione, usi le parole giuste? Scoprilo con IL TEST

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}