• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

21.956 visite

Presbiopia, perché a 40 anni vedi male da vicino

E’ la presbiopia: come affrontarla e conviverci senza problemi

si stabilizza e non progredisce più. Per cui, qualsiasi intervento, è meglio posticiparlo  a dopo aver compiuto i 60 anni.

 

Leggi anche: Carote, ecco quanto e come fanno bene alla vista

 

Uomini e donne, reazioni diverse

Secondo una ricerca A.C. Nielsen, per conto della Commissione Difesa Vista (CDV), sulla percezione da parte degli italiani del problema della presbiopia, gli italiani tendono a resistere nel mettere gli occhiali perché non vedere bene è emotivamente collegato all’idea di invecchiare (si dice, del resto, che “la presbiopia viene come vengono i capelli bianchi”…).

Uomini e donne, poi, non si comportano nello stesso modo di fronte agli occhiali. I primi tendono a rimandare il problema, le seconde superano l´ostacolo psicologico acquistando occhiali alla moda.

Sempre secondo l´indagine, l´85,4% dei presbiti italiani utilizza gli occhiali per correggere il difetto, il 14,6% non li porta. Il 63% si è sottoposto ad una visita oculistica, il 29,7 ha acquistato gli occhiali in un negozio di ottica, mentre il 12,5 ha fatto un´autovalutazione e li ha acquistati in farmacia o al supermercato.

 

Leggi anche: Perchè il 20% dei bambini italiani ha problemi di vista

 

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}