• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

21.562 visite

Presbiopia, perché a 40 anni vedi male da vicino

E’ la presbiopia: come affrontarla e conviverci senza problemi

Presbiopia? Si comincia con la difficoltà di mettere a fuoco le immagini vicine e si manifesta con problemi soprattutto nella lettura. È così che si manifesta la presbiopia, un difetto fisiologico della vista che compare progressivamente dopo i 40 anni. Ciò è dovuto alla perdita di elasticità del cristallino che non riesce ad “accomodare”, cioè a mettere a fuoco, le immagini vicine. Un difetto visivo che si può, però, facilmente ovviare ricorrendo alle lenti correttive.

 

Curi abbastanza i tuoi occhi? Scoprilo con IL TEST

 

Chi colpisce e come si manifesta la presbiopia

In Italia soffre di presbiopia il 41% degli adulti dai 40 anni in su, con punte oltre il 53% per gli over 50. I primi segni della presbiopia si possono riconoscere da atteggiamenti ricorrenti come, ad esempio, allontanare uno scritto per leggerlo, o tirare indietro la testa per osservare un oggetto.

Il grado di presbiopia presente in un occhio è misurato dal grado della lente positiva più debole, necessaria per permettere agevolmente la lettura e il lavoro da vicino.

 

Leggi anche: Ora con il laser correggi anche la presbiopia

 

I vari stadi

La presbiopia attraversa stadi diversi. Può essere infatti:

  • incipiente: cioè iniziale. È descritta come la fase nella quale piccoli caratteri possono essere ancora letti, senza necessità di dovere aggiungere lenti positive, ma solo facendo uno sforzo accomodativo addizionale;
  • assoluta: in questo stadio non è più possibile leggere piccoli caratteri, senza l´aggiunta di adeguate lenti positive;
  • prematura: quando si presenta prima di 42- 44 anni;
  • crespuscolare o notturna: quando la difficoltà a vedere si presenta soprattutto in assenza di luce naturale.

Generalmente compare dopo i 40 anni ed aumenta progressivamente fino all’età di 60 anni. Poi – ed è questa la buona notizia – (segue…)

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}