• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.241 visite

Perchè la dieta vegetariana funziona in primavera

La dieta dimagrante deve far perdere all’uomo i chili giusti partendo dalle calorie necessarie per il suo stile di vita. Ecco come fare e cosa mangiare.

dieta vegetariana_2

Per l’uomo, la primavera è il momento migliore per tenere il peso sotto controllo. Una settimana senza mangiare carne e pesce permette di ridurre gli acidi grassi saturi e il colesterolo. E poi, grazie a tanta frutta, verdura e legumi, si aumentano l’apporto di fibre, vitamine e sali minerali.

 

 

Come sapere le calorie di cui abbiamo bisogno

Il punto di partenza tuttavia è sapere se e quanto l’uomo che vuole mettersi a dieta deve dimagrire. E  la risposta dipende dal tipo di vita. E’ evidente che un uomo molto sportivo o il cui lavoro consiste in attività molto faticose (trasportatore, facchino, operaio edile, istruttore in una palestra) ha molto dispendio di energia e dunque richiede una  quantità di calorie maggiore di chi invece ha uno stile di vita sedentario o esercita professioni che richiedono poco sforzo fisico  e magari più sforzo mentale (medici, intellettuali, professionisti ecc).

Differenti sono anche le calorie necessarie  a seconda dell’età, della statura e del peso.

Il metro per sapere quanta energia ha bisogno il corpo umano a seconda di tutte queste variabili è rappresentato dai Livelli di Assunzione medi Riferimento per l’Energia, l’acronimo è LARN stabiliti dalla SIA – Società Italiana della Nutrizione.

 

Leggi anche: Calorie 10 modi per tagliarle senza soffrire

 

Come cambiano le calorie necessarie fra uomo e donna

Qualche esempio? Guardate  come cambia il livello di calorie necessario in relazione all’attività fisica svolta secondo le tabelle elaborate dalla SIA: un uomo  tra i 30 ed i 59 anni, alto 1 metro e 80 che pesa 73 chili, per stare in salute ha bisogno quotidianamente di 1710 calorie al giorno con un livello di attività fisica sedentaria; ma se l’attività fisica (LAF) sale  del 45% le calorie necessarie diventano 2480, se sale del 60%, 2730 calorie , se sale del 75% , 2990 calorie;  per arrivare a 3590 calorie se aumenta del 110%.

 

Una donna tra i 30 e i 59 anni alta 1,60 metri,  che pesa 57,6 chili, ha bisogno di 1450 calorie se conduce vita sedentaria.  Ma se l’attività fisica (LAF) sale  del 45% le calorie necessarie diventano 1900, se sale del 60% 2100 calorie , se sale del 75% , 2300 calorie;  per arrivare a 1760 se aumenta del 110%.

 

Ed ora guardate come cambia il fabbisogno di calorie in base alla statura. Un uomo tra i 30 a i 59 anni alto 1,60 per stare in salute ha bisogno quotidianamente di 1530 calorie al giorno con un livello di attività fisica sedentaria; ma se  è alto 1,70 metri le calorie necessarie diventano 1620, se è alto 1,80 metri 1720 calorie , se è alto 1,90 metri, 1800 calorie.

 

Analogamente per una donna tra i 30 e i 59 anni  di peno normale: alta 1,60 per stare in salute ha bisogno quotidianamente di 1310 calorie al giorno con un livello di attività fisica sedentaria; ma se  è alta 1,70 metri le calorie necessarie diventano 1370, se è alta 1,80 metri 1440 calorie , se è alto 1,90 metri, 1510 calorie.

In sintesi  le calorie necessarie  aumentando l’intensità dell’attività fisica crescono molto di più di quelle necessarie se  se la statura cresce.

 

Vai al  Check up del peso

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}