• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.195 visite

Perché i virus preferiscono spogliatoi e palestre

Perché i virus preferiscono spogliatoi e palestre? Ecco le risposte che cercavi: i 4 luoghi più contaminati e le 13 regole per evitare le infezioni quando facciamo sport.

Perché i virus preferiscono spogliatoi e palestre

Chi fa sport non sempre se ne ricorda, ma  gli spogliatoi e le palestre sono alcuni fra i luoghi più contaminati  e ricchi di virus e batteri, a volte anche molto pericolosi e difficili da estirpare.

Un recente studio condotto negli Stati Uniti ha rivelato che in un centro sportivo, una palestra, un circolo sportivo mediamente il 28-30% delle superfici sono contaminate da germi e batteri e che i 4 luoghi più infetti sono:

  1. le maniglie delle porte;
  2. i pavimenti;
  3. le docce;
  4. le panche

 

Come dire ciò che tocchiamo  con le mani, con i piedi e con le parti intime del corpo più frequentemente.

Ebbene, quanti di noi hanno ben chiare le norme minime di igiene che dovrebbero essere costantemente rispettare per evitare di contrarre qualche infezione?

Diciamo subito che in Italia la questione non è lasciata alla libera interpretazione delle singole iniziative imprendioriali ma è disciplinata da una normativa del Mnistero della Salute e del Coni

 

Leggi anche: Cerchi una palestra? le regole per non sbagliare

 

Perché  i virus preferiscono spogliatoi e palestre

Le palestre, ma soprattutto gli spogliatoi  nei quali dopo aver fatto sport  ci togliamo gli indumenti sudati e sporchi , ci spogliamo poggiandoci sulle  panche o tappetini,  o ci facciamo docce e saune sono luoghi altamente a rischio per 3 motivi:

  1. la temperatura: sono normalmente luoghi riscaldati che hanno al loro interno una temperatura resa ancora più elevata da vapori dell’acqua calda delle docce o dal calore emanato da saune e bagni turchi laddove sono presenti;
  2. l’umidità: è normalmente molto elevata  per il ristagno dei vapori e per l’acqua che dopo le docce gli atleti possono trasportare camminando in altre zone dello spogliatoio, oppure ancora per la presenza di acqua sul pavimento fuoriuscita dagli impianti igienici e stagnante. ( docce, spogliatoi, idromassaggi, piscine)  .
  3. ristagni d’acqua: quando esistono sono il luogo ideale per la proliferazione di funghi, virus, batteri fecali, stafilococchi.

 

Lo studio americano ha dimostrato che se solo usassimo degli asciugamani o qualcosa che si interpobne tra  la pelle e il contatto con uno dei luoghio potenzialmente infettanti ( panche, docce, pavimento, maniglie delle porte) potremmo ridurre anche dell’80% il rischio contagio. Meglio ancora se potessimo usare teli usa e getta,  asciugamani monouso,  gli stessi utilizzati nelle cliniche per motivi di igiene.

 

Asciugamani monouso  usa e getta per palestre piscine : OFFERTA 20 PEZZI ACQUISTA ORA

 

Le infezioni più comuni

In ambienti come questi, particolarmente umidi e caldi i germi i virus ed i batteri festeggiano la loro moltiplicazione. Le infezioni più comuni sono di 3 tipi:

infezioni da contatto cutaneo : provocate dal contatto con gli attrezzi, le panche degli spogliatori sulle quali ci si siede per cambiarsi, nelle docce, nei servizi igienici;

 

Leggi anche: Infezioni e batteri? Arriva la vernice salva-vita

 

infezioni respiratorie: sono infezioni causate dalla trasmissione di microgoccioline espuilse dal sudore degli atleti o dagli starnbuti;

infezioni gastenteriche: sono le più frequenti al contatto con superfici umide e contaminate  dei servizi igienici, delle panche nelle  docce e nelle saune.

 

Sai scegliere la palestra giusta? Scoprilo con il TEST

 

Si rischiano in sostanza allergie, polmoniti, infezioni alle parti intime come  la trasmissione del papillomavirus.

Ma niente allarmi bastano poche ma chiare istruzioni per fare sport  e godersi docce rigeneranti senza correre rischi.

 

Leggi anche: Le 12 regole per evitare infezioni negli spogliatoi

 

 

Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}