• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.004 visite

Orgasmo femminile, come usare le “palline cinesi” per il piacere di”lei”

La funzione delle palline cinesi

Le palline cinesi hanno la stessa funzione dei pesi utilizzati per il resto della muscolatura corporea. Sono cioA? piccoli pesi che possono essere sollevati con piccole contrazioni dalla muscolatura della vagina, ovvero del cosiddetto pavimento pelvico. La tonificazione di quella muscolatura ha una funzioneà estremamente importante nel rapporto sessuale, perchèà in grado di ” avvolgere”à il pene stringendoloà con contrazioni periodiche che alimentando l’eccitazione femminile ed inturgidiscono il pene maschile.à In letteratura sono note performance di donne che solo conà la ginnastica pelvica, e cioA? alternando contrazioni e rilassamenti della vagina,à sono riuscite a provocare una tale eccitazione nell’organo maschile da provocare l’eiaculazione senza iniziativa del maschio.

Ma al tempo stesso le palline cinesià producono benefici effetti per la vita e la salute sessuale della donna in quanto migliorano la fase del desiderio: avere con sà delle palline cinesi può essere considerato molto erotico, così come portare della lingerie sexy e molte donne amano fantasticare sull’idea di portare delle palline cinesi senza che nessuno lo sappia. Un ulteriore effetto più diretto riguarda la lubrificazione: le palline contengono al loro interno altre palline più piccole che muovendosi stimolano le parti vaginali, favorendo il flusso sanguigno e migliorando in modo evidente e rapido i livelli di lubrificazione (l’imperatore giapponese le faceva portare alle sue concubine proprio per questa ragione). Poichà durante l’orgasmo la muscolatura pelvica si contrae e si rilassa, tanto gli esercizi per il pavimento pelvico quanto l’uso delle palline cinesi, fortificano la muscolatura procurando così degli orgasmi più intensi e più lunghi.

 

Leggi anche: Palline cinesi, gli esercizi per il fitness del sesso

 

Come si usano?

Istruzioni sull’usoà vengono fornite da Tena, l’azienda produttrice di assorbentià che ha pubblicato una guida all’incontinenza femminile,à la cui soluzione si trova proprio nella ginnastica del pavimento pelvico fatta appunto con le palline.

Si inizia con una sola pallina più grandeà che viene inserita nella vagina e più facilmente sostenibile dalla muscolatura femminile (che potrà mostrarsi più debole di quello che pensavamo). Successivamente vengono utuilizzate due unità, che pesano di più, e, alla fine, una volta divenute più esperte,à si usano delle palline molte strette e pesanti. La muscolatura pelvica risponderà prontamente al trattamento eà si potrà avanzare di volta in volta alla fase successiva molto rapidamente.

Una volta acquistate, prima di utilizzarle, A?àimportante sterilizzarle, mettendole per dieci minuti in acqua bollente; quest’operazione dovrà essere ripetuta di tanto in tanto. Prima di essere inserite in vagina andranno sempre lavate con acqua e detergente neutro, curandosi di avere le mani pulite. Dopo l’utilizzo è opportuno riporle in una borsetta di tela o in un contenitore che le protegga dalla sporcizia dell’ambiente esterno.

 

Leggi anche: Orgasmo femminile, ecco cosa accade nel cervello della donna

Tag:
Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}