• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

6.251 visite

Sesso d’estate, come farlo senza rischi di infezioni

L’OMS ha stilato l’elenco delle raccomandazioni per impedire la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili. Ecco le malattie più diffuse in Italia.Il boom tra gli omosessuali.

Sarà  la luce che dura più a lungo ed energizza di più, sarà il relax che ci godiamo in vacanza, sarà che d’estate siamo più propensi a mostrare le nudità,  le cifre lo confermano: l’estate è anche la stagione in cui gli italiani fanno più sesso.

Ma parallelamente è anche la stagione in cui  gli italiani si dimenticano le precauzioni per un sesso più sicuro e dunque aumentano i rischi di contrarre qualche brutta infezione.

A rendersene conto è addirittura la massima istituzione sanitaria del mondo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che proprio in vista della maggiore promiscuità sessuale che arriva in estate ha lanciato  la sua campagna di prevenzione stilando 6 regole per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

Eccole:

  1. usare il preservativo e in particolare con i nuovi partner
  2. ridurre il numero dei partner: la monogamia è la migliore assicurazione
  3. riscoprire pratiche alternative alla penetrazione violenta  (massaggi, carezze,  baci, masturbazione)
  4. nel sesso anale, usare il preservativo con lubrificanti poiché la mucosa anale può lacerarsi facilmente
  5. evitare penetrazione e  sesso orale quando il partner ha ulcere genitali.
  6. evitare sesso estremo e promiscuità senza protezione

 

La classifica delle malattie sessuali più diffuse

A rendere particolarmente attuali le raccomandazioni dell’OMS è l’allarme lanciato dall’ Istituto Superiore di Sanità, massimo organismo istituzionale consultivo del Ministero della Salute.

Sulla base dei risultati emersi dal sistema di sorveglianza nazionale che concentra i dati di 12 centri dermatologici degli ospedali pubblici italiani,  nel periodo 1991-2013 emerge  l’identikit del  contagiato: nel 70% è un uomo di 30 anni nel 30 % una donna di 31 anni.

Dai dati emerge anche che alcune malattie sessuali sono in forte aumento ed in particolare aumentano fra i giovani e tra gli omosessuali.

Ecco le infezioni più diffuse che colpiscono gli italiani:

Clamidia  

è una malattia che si manifesta con perdite vaginali e può condurre alla sterilità. L’aumento della frequenza è particolarmente concentrato tra i giovani di età compresa tra i 15 ed i 24 anni;

 

Leggi anche : malattie sessuali, più a rischio i giovanissimi

 

 

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}