• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

4.756 visite

Occhio pigro, come si cura l’ambliopia nel bambino

Come si riconosce e si previene l’ambliopia, meglio conosciuta come sindrome dell’occhio pigro nei bambini.

I medici la chiamano tecnicamente ambliopia, ma è conosciuta comunemente come “sindrome dell’occhio pigro”. È una patologia che si sviluppa in età pediatrica e colpisce un numero non indifferente di bambini: tra il 4 e il 5%.

Che cosa la provoca? Il cervello, che fino all’età scolare è nella fase plastica del suo sviluppo, disattiva l’occhio colpito da un difetto visivo (miopia, astigmatismo o ipermetropia) in misura molto superiore rispetto all’altro.

Non riesce cioè a fondere le immagini nitide che vengono da un occhio e quelle poco chiare che arrivano dall’altro.

Così, piuttosto che vedere doppio, disattiva l’occhio col difetto visivo, che a quel punto avrà una visione ridotta (almeno tre decimi meno) o fatta solo di luci e ombre, o del tutto assente.

 

Leggi anche: Gli occhiali per l’occhio pigro

 

La prevenzione risolve il problema

Il modo più efficace per combattere la sindrome dell’occhio pigro è la prevenzione: un protocollo ad hoc dimostra infatti che con visite precoci, tra i 10 e i 22 mesi di vita del bambino, si può individuare in tempo un disturbo pericoloso, che può portare a danni irreversibili in età adulta, garantendo una riabilitazione sicura.

Per quanto riguarda gli interventi terapeutici, una volta scoperto e diagnosticato il problema, oltre a correggere il difetto visivo di base con gli occhiali, bisogna spronare l’occhio pigro a svegliarsi.

Si può bendare l’occhio sano per alcune ore al giorno o schermarlo con particolari filtri.
La durata della terapia dipende dalla risposta soggettiva. A volte si ricorre a stimolazioni dirette con apparecchi che inviano impulsi specifici.

Utili anche gli esercizi ortottici da eseguire alcune volte alla settimana in ospedale e a casa: aiutano convergenza e motilità oculare.

I risultati della terapia sono migliori quanto prima si interviene.

Negli adulti si attua la medesima terapia utilizzata in ambito pediatrico, anche se le possibilità di successo sono nettamente inferiori.

 

Leggi anche: Occhio pigro: gli esami da fare

 

I sintomi dell’occhio pigro

Il bambino che soffre di ambliopia spesso non si accorge di nulla, tranne nel caso in cui gli venga chiesto di chiudere un occhio e utilizzare solo quello con visione ridotta.

A volte l’occhio può lacrimare o arrossarsi e il piccolo potrebbe soffrire di cefalea.

È importante che i bambini si sottopongano a una visita oculistica e ortottica a 2-3 anni, per verificare la presenza di eventuale ambliopia anche attraverso strumenti specifici (sinottoforo): a quell’età, infatti, il disturbo è più facilmente curabile.

Superati i 5-6 anni, invece, le possibilità di recupero diminuiscono notevolmente: nemmeno facendo mettere gli occhiali o chiudendo l’occhio sano per stimolare il lavoro di quello pigro, si può recuperare in pieno la vista.

 

Curi abbastanza i tuoi occhi? Scoprilo con IL TEST

Tag:,
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}