• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.917 visite

Biberon: occhio ai materiali, uno è pericoloso

Molti di quelli in commercio contengono ancora il Bisfenolo A, una sostanza tossica. Ecco la lista dei marchi sicuri

Spesso li diamo per scontati. E invece i biberon sono uno strumento così fondamentale, per la salute dei nostri piccoli, che non possiamo permetterci di ignorarne anche il minimo “ingrediente”.

Prendete il Bisfenolo A, per esempio: dietro questa sigla in apparenza simile a tante altre, si nasconde in realtà una sostanza chimica che pare essere molto pericolosa per la salute. Al punto che le principali autorità di controllo per la sicurezza igienico-sanitaria e alimentare se ne stanno occupando.

 

I pericoli del Bisfenolo A
Al centro della discussione, una sostanza chimica chiamata bisfenolo A, principale “ingrediente” dei policarbonati: presente nei biberon e negli imballaggi per gli alimenti, rappresenta l’incubo di milioni di mamme e dei consumatori in genere, perché accusata di essere pesantemente tossica per l’uomo (è associato, tra l’altro, a malattie cardiovascolari, diabete, disfunzioni sessuali, endometriosi; ma essendo un “perturbatore endocrino”, si sospetta che possa anche nuocere allo sviluppo dei neonati).

Sulla sua pericolosità, in realtà, ancora non è tutto così chiaro: di fronte all’allarme internazionale  un recentissimo studio pubblicato sulla rivista della Società chimica Usa (“Environmental Science & Technology”) sostiene infatti che in media è inferiore di 1.000 volte rispetto alla quantità indicata come “dose giornaliera tollerata” dalle autorità che vigilano sulla sicurezza alimentare, l´Environmental Protection Agency (EPA) negli Usa e l´European Food Safety Authority (EFSA) in Europa.

 

I biberon senza Bpa
Nel dubbio, dopo il Canada, alcuni Paesi europei hanno vietato la produzione di articoli per l’infanzia costruiti con il Bpa: la Danimarca, per esempio, e la Francia.

In Italia, in attesa di un pronunciamento definitivo da parte dell’autorità europea per la sicurezza alimentare, la situazione è in divenire: per il momento, diverse case produttrici hanno cominciato a vendere biberon costruiti senza Bisfenolo A (sull’esempio di grandi marchi britannici).

Secondo un’indagine condotta dal sito Babygreen.it, sono 11: Avent, Bebé confort, Chicco, Medel (Mebby), Medela, Mister Baby, mOmma, Nuby, Nuk, SITAR Happy Bimbo, Tommee Tippeee.

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}