• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

862 visite

Musica, come avvicinare i bambini allo studio di uno strumento

I genitoriàche vogliono avvicinare i loro bambini alla musica fanno in genere un errore:à tendono spesso a indirizzarli allo studioàdello strumento da loro preferito quando erano ragazzi, o quello che suonano attualmente, ma la scelta dello strumento dovrebbe essere lasciata libera e istintivaà alla scelta del bambino.

Si può offrire al bambino di conoscere più da vicino le sonorità dei diversi strumenti, magari facendoli assistere a concerti di diversi generi musicali, ma non si deve obbligarlo a scegliere il pianoforte o la tromba.
Non solo. Non tutti i bambini devono, per forza, diventare musicisti. Già a 4, 5 anni il bambino è in grado di chiedere di suonare e deciderlo da solo e, se non decide nulla, i genitori devono abbandonare lA?impresa. Sarebbe sbagliata un’imposizione perchè, se il desiderio non parte da lui, si è già falliti in partenza, dal momento che, in ogni caso, dovrà affrontare momenti di noia e di frustrazione.

Lo studio della musica in genere, e di uno strumento musicale in particolare, va visto come percorso educativo, di rigore attraverso il quale si educa il bimbo a mantenere un impegno, ma se è un’imposizione il senso di frustrazione e di sconfitta è assicurato.

 

Leggi anche: Musica, parla l’esperto:”PerchA? la scelta dello strumentoà va lasciata ai vostri figli”

 

A 3-4 anni la musica solo per gioco

 

I bambini anche molto piccoli imparano il linguaggio musicale con la stessa naturalezza con cui imparano a parlare, ma non c’è un’età ideale per imparare uno strumento musicale. LA?età giusta è quando il bambinoàesprime il desiderio di farlo. Di solito questo avviene quando il piccolo va già a scuola intorno ai 4-5 anni, ma bisogna sempre assecondare i suoi desideri. Come? Avvicinandolo alla musica attraverso il gioco e in modo graduale

In genere nelle scuole di musica ci sonoàcorsi che sono pensati proprio per i piccoli dià3-4 anni, propedeutici ai corsi per lo studio dello strumento vero e proprio. Durante le lezioni si canta (la voce è il primo strumento che abbiamo a disposizione), le mani diventano percussioni che battono e i bambini saranno lasciati liberi di rispondere con movimenti alle sollecitazioni sonore. Se durante questa prima fase, il piccolo inizia a manifestare un particolare interesse per la musica si può sperimentare lo studio di uno strumento.

 

Qual è lo strumento musicale più adatto a tuo figlio? Scoprilo con IL TEST

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}