• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.633 visite

Sempre affamato? Ecco gli 11 perchè della sindrome della fame perpetua

Come vincere la sindrome della fame perpetua? Ecco le 11 cause ( facilmente risolvibili) che spiegano perchè un italiano su 3 è in sovrappeso.

  1. osservazioni empiriche ornai consolidate. La reicerca nutrizionale sta cercando di dare una spiegazione razionale e scientifica al fenomeno. Moderate gli alcolici e in ogni caso mai alcolici a digiuno.
  2. La fame con gli occhi – E’ un fenomeno che i pubblicitari conoscono da tempo quando ci  mostrano in Tv un dolce appena sfornato o un piatto di pasta appena scolato e condito. L ‘occhio recepisce le immagini come stimolo visivo ad un consumo che non nasce dalla fame ma dal desiderio e che determina la domanda di cibo. Lontano dagli occhi, lontano dalla pancia.
  3. Meno stress – Lo stress provoca  la fame e il desiderio di cibi grassi  come calmante.  E un solo pasto troppo ricco di grassi è capace di mandare in tilt per tre giorni i centri neurali per il controllo dell´appetito. Secondo uno studio di Deborah Clegg, dell´Università del Texas a Dallas (Usa, i cibi sbalestrati dall’eccesso di lipidi, trasmettono allo stomaco il messaggio (sbagliato) che abbiamo ancora fame. Insomma: anche dopo un´abbuffata, lungi dal sentirci sazi, continuiamo ad avvertire la fame anche ai pasti seguenti e non riusciamo a contenerci anche nei giorni successivi. L´esperta ha scoperto che i grassi di troppo finiscono direttamente nel cervello dove bloccano gli ormoni normalmente deputati a spegnere l´appetito come la leptina; così, paradossalmente, anche se abbiamo mangiato troppo, il senso di sazietà non arriva e continuiamo ad abbuffarci.

 

Leggi anche: Fame nervosa? 10 cibi anti appetito ed anti stress

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}