• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.752 visite

Mal di testa? Usa lenti da sole blu

Proteggono meglio dagli effetti della luce naturale e artificiale. E bloccano sul nascere l’emicrania

I personaggi dello spettacolo le usano per difendersi dai flash dei fotografi. Ma le lenti da sole di colore blu, indossate in ogni momento della giornata, possono rivelarsi molto utili anche alle persone comuni. Perché sono un´ottima barriera protettiva contro l´emicrania causata dagli effetti della luce naturale o artificiale. La fotofobia, infatti, è un sintomo riconosciuto del mal di testa: limitandolo o eliminandolo del tutto, la cefalea non arriva.

L´importanza delle lenti blu
La scoperta si deve a uno studio condotto dall´Institute of optometry di Londra (Gran Bretagna). I ricercatori hanno svelato che il 40% delle persone che soffrono di emicrania è sensibile al bagliore del sole e dopo circa un´ora può innescarsi il mal di testa. Una persona su 7 nel Regno Unito soffre infatti della patologia, che può scatenare disidratazione, stress e insonnia.
Gli occhiali da sole con lenti colorate blu o di altro tipo "possono smorzare efficacemente gli effetti di luci lampeggianti o altre fonti che scatenano l´emicrania visiva", ha spiegato Arnold Wilkins, docente di percezione visiva alla University of Essex, "un recente studio ha stabilito che nel 70% dei casi aiutano a diminuire l´iperattività del cervello stimolata dagli effetti della luce".
"Questo fenomeno varia da individuo a individuo", ha aggiunto Bruce Evans, dell´Institute of optometry di Londra, "ma essenzialmente si tratta di un sfarfallio della vista. Molti pazienti riportano che è come avere una luce stroboscopica puntata sugli occhi. Ma l´emicrania può svilupparsi anche quando si osserva una camicia a strisce, le linee su una scala mobile, lo sfarfallio dello schermo del computer".

La colorimetria
"Alla base delle lenti da sole blu c´è la colorimetria", ha detto ancora Evans, "una scienza che si occupa delle reazioni del cervello alla percezione dei colori. In medicina è già utilizzata per per aiutare le persone colpite da epilessia e dislessia. Con quest´ultima patologia i filtri colorati hanno dimostrato di migliorare le prestazioni di lettura".
In uno studio firmato dall´University of Michigan (Usa) pubblicato sulla rivista scientifica "Cephalalgia", condotto attraverso la scansione del cervello, gli scienziati hanno mostrato un´iperattività nella parte visiva della massa cerebrale quando, chi soffriva di emicrania, osservava modelli con strisce o colori altamente contrastati. "Quando i pazienti affetti da emicrania indossavano occhiali colorati, non solo blu ma di diverse tonalità, l´attività cerebrale veniva stabilizzata", dice Wilkins, "e circa il 70% dei partecipanti ha riportato un significativo sollievo quando utilizzava questo tipo di lenti".

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}