• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

12.141 visite

Mal di pancia, i 5 segnali che consigliano la colonscopia

I 5 segnali che consigliano la colonscopia, l’indagine che serve a scoprire se dietro ad un semplice mal di pancia si nasconde qualcos’altro.

colonscopia

Chi ha dolori addominali,  stitichezza, diarrea, sangue nelle feci ed  anemia  ed ha più di 40 anni  farebbe bene a  recarsi dal medico e chiedere se non è il caso di dare un’occhiata allo stato di salute del colon retto attraverso una indagine che si chiama colonscopia.

La ragione?  Togliersi il dubbio che non  sia in atto un tumore al colon, la seconda causa di morte per tumore nell’insieme dei due sessi in Italia. Ogni anno 34.000 persone si ammalano di un carcinoma colorettale e 17.000 muoiono per questa malattia. Un rischio  associato  ad una dieta ricca di grassi, proteine, calorie, alcol e carne, ma povera di fibre, calcio e folati. E dunque tipico dei paesi “ricchi”.

Nessun allarme, ma molta prevenzione 

Non è ovviamente detto che dietro ai sintomi indicati  si nasconda necessariamente un tumore: esiste una vasta gamma di malanni, fortunatamente, molto meno preoccupanti che vanno dalla  presenza di lesioni e anomalie come polipi, diverticoli,  fino a malattie ulcerose, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn.

Ma che si tratti di una preoccupazione nazionale lo documenta il Ministero della Salute che, di fronte al numero di casi di tumore al colon retto, soprattutto nei maschi adulti, ha inserito la colonscopia nel set di analisi di prevenzione obbligatoria previsti dal Servizio Sanitario nazionale  gratuitamente .

 

Sei a rischio tumore al colon? Scoprilo con IL TEST

Cos’è e a cosa serve la colonscopia

 L’indagine viene eseguita utilizzando un endoscopio, che è un lungo tubo flessibile alla cui estremità si trova una luce e una telecamera. L’endoscopio, che ha un diametro approssimativamente uguale a quello di un dito indice risale attraverso l’ano e esplora l’interno del colon.

Con al colonscopia il medico può individuare o escludere al presenza di malattie e viene consigliata in presenza di questi sintomi: dolori addominali;  stitichezza; diarrea; presenza di sangue nelle feci, evidente o in forma occulta (diagnosticata con un apposito esame di laboratorio sulle feci); in presenza di anemia (carenza di globuli rossi).

Inoltre l’esame può essere eseguito a scopo di screening dopo i 40 anni o più in persone che hanno un familiare che ha sofferto di tumore al colon. A volte durante lo svolgimento dell’esame il medico può ritenere opportuno prelevare piccoli frammenti di tessuto (biopsia) che vengono successivamente inviati al laboratorio per un’analisi istologica.

La colonscopia è particolarmente utile per valutare la presenza di lesioni e anomalie come polipi, diverticoli, tumori, malattie ulcerose, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn.

 

Leggi anche: Scopri l’alternativa alla colonscopia

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}