• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.724 visite

L’ormone spezza-fame che fa bruciare più calorie

Uno studio inglese scopre nell’intestino una possibile chiave per dimagrire senza soffrire

Placare la fame e bruciare più calorie. È un po’ il sogno di tutti coloro che sono abituati a combattere ogni giorno con i chili di troppo, tra diete più o meno ferree, snervanti sedute in palestra e morale sotto i tacchi. Ebbene, per questo popolo di scontenti ci sono buone notizie in arrivo dalla Gran Bretagna.
I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno testato con successo un ormone che riduce l’appetito e aumenta il consumo di energia. Scoperto nell’intestino, potrebbe aiutare le persone obese e in sovrappeso a “spegnere” la fame e a bruciare più calorie. Lo studio, pubblicato sull’International Journal of Obesity, descrive l’effetto delle iniezioni di ossintomodulina su 15 volontari in sovrappeso (ma sani), seguiti presso l’Hammersmith Hospital. Steve Bloom, responsabile dello studio, spiega che “l’ormone ha rivelato un doppio effetto: aumenta il consumo di energia e riduce l’assunzione del cibo’’. Due aspetti molto importanti. Il fatto di mettersi a dieta produce infatti anche una riduzione del consumo energetico, forse per una forma di adattamento che scatta per far fronte a periodi di scarsezza di cibo. Ma questo meccanismo complica la vita a chi cerca di perdere peso. Al contrario, l’ossintomodulina riduce l’assunzione di calorie, ma aumenta il consumo di energia. Questo ne fa “un intervento ideale per gli obesi’’, dicono i ricercatori.
Nel lavoro britannico i volontari, tutti tra i 23 e i 49 anni, hanno completato tre sessioni di studio da quattro giorni, in cui si auto-somministravano una soluzione salina o l’ormone (in trial randomizzati in doppio cieco). Dopo la prima iniezione in ospedale, ai volontari è stato servito il pranzo. Poi tutti sono tornati a casa e, nei due giorni successivi, si sono sottoposti a tre iniezioni quotidiane prima dei pasti; il quarto giorno le “cavie umane” sono tornate in ospedale per i controlli. Così si è potuto misurare il doppio effetto delle iniezioni, tanto promettenti secondo i ricercatori per dire addio ai chili di troppo.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}