• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

181 visite

Lo sbadiglio? Ecco perchA? A? sempre contagioso

Sbadigliare A? contagioso. Sbadigliare A? contagioso. Lo sbadiglio A? contagioso. Il motivo? LA?empatia che ci lega lA?uno con lA?altro. Lo rivela una ricerca britannica.

Sbadigliare A? contagioso. Il motivo? LA?empatia che ci lega lA?uno con lA?altro. Lo rivela una ricerca britannica, secondo la quale soltanto gli esseri umani, gli scimpanzA? e forse il macaco sbadigliano dopo aver visto un loro simile farlo, proprio per via di questa capacitA� e bisogno di identificarsi con i loro simili.
Un ricercatore del Birkbeck College di Londra, Atsushi Senju e alcuni colleghi giapponesi, hanno studiato lo sbadiglio in bambini autistici e non ed hanno scoperto che gli autistici,sebbene sbadigliassero, non venivano contagiati dallo sbadiglio altrui.
Chi A? affetto da autismo A? incapace di formare legami emozionali normali con il prossimo e di provare empatia nei confronti degli altri. Ecco spiegato perchA� lo sbadiglio, per essere contagioso, deve basarsi sullA?empatia.

 

Leggi anche: Lo sbadiglio ha 7 perchA?. Ecco quali

 

Cos’ A? lo sbadiglio

Questo riflesso incontrollato, comune a tutti i vetrebrati presenti sulla Terra, si compie in media 250 mila volte in una vita.

Due scienziati francesi (Olivier Walusinski e Bertrand L. Deputte) hanno individuato un eccesso di sbadigli anche in terapie praticate per malattie di tipo neurologico o psichiatrico, a base di farmaci antidepressivi serotoninergici e agonisti dopaminergici.
Per capire se una serie di sbadigli ha caratteristiche patologiche, un primo indizio puA? essere la��incapacitA� di trattenersi. Ma solo una��indagine approfondita sulla��esistenza di patologie correlate puA? portare a una terapia davvero efficace.

 

Leggi anche: Ecco quando c’A? del sesso dietro lo sbadiglio

 

 

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}