• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

27.983 visite

Lipomi: come si riconoscono, quando toglierli

I lipomi sono tumori benigni che vanno trattati solo se crescono troppo o si infettano: le zone del corpo più colpite ecome si diagnosticano e si curano

I lipomi si presentano di solito come una massa di dimensioni variabili, possono essere unici o multipli.

Come ce ne accorgiamo? Iniziano a manifestarsi con un piccolo gonfiore sottopelle diventano sempre più visibili e creano problemi di tipo estetico. Ma non c’è da temere perché si tratta, nella maggior parte dei casi,  di tumori benigni costituiti da globuli adiposi (il grasso), di consistenza molle, di forma tondeggiante che può anche raggiungere dimensioni ragguardevoli fino a 15 centimetri. Di solito sono circoscritti, localizzati nel tessuto sottocutaneo e muscolare per lo più alla nuca, alla schiena, alle spalle e alle cosce.

Lipomi, le zone del corpo più colpite

I lipomi possono comparire in qualsiasi zona del corpo, anche se nella maggior parte dei casi si localizzano in punti ben precisi. Vediamo quali:

•  lipoma superficiale sottocutaneo: è la forma più comune di lipoma, che si manifesta appena sotto la superficie dell´epidermide. Può svilupparsi in qualunque area del corpo che presenta grasso, ma la maggior incidenza è nel tronco, nelle cosce e nelle braccia ed hanno dimensioni maggiori rispetto a quelle che si trovano sul collo o sulle braccia. Il motivo? Su queste zone del copro il tessuto adiposo non è molto spesso;

•  lipomi solitari: lipomi circoscritti, che potrebbero comunque essere molteplici;

•  lipomi multipli: lipomi benigni non nettamente circoscritti come i lipomi solitari;

I lipomi non si manifestano mai sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi, perché in queste zone il tessuto adiposo sottocutaneo è molto scarso.

Lipomi: come si diagnosticano e curano

Talvolta il lipoma compare come una piccola escrescenza sottocutanea che si presenta al tatto di consistenza molle e mobile. I lipomi sono tumori benigni che raramente sono un pericolo per la salute, ma possono aumentare molto di volume e diventare fastidiosi e antiestetici.

Non esistono medicinali come pomate o creme in grado di arrestarne la crescita, quindi se si sviluppano in una parte del corpo sottoposta a continui sfregamenti, tanto da creare fastidio, l´unica cura possibile è l´asportazione.

Lo stesso discorso vale se il lipoma, anche se di piccole dimensioni, è antiestetico perché si trova in una zona esposta, come la nuca.

Come si svolge l’intervento

L´intervento avviene in ambulatorio e l´asportazione si esegue in anestesia locale e dura, in genere, trenta minuti circa.

Dopo l´anestesia, il dermatologo incide la pelle con un bisturi e asporta il lipoma insieme alla sua capsula fibrosa che lo avvolge. In questo modo non potrà più riformarsi. Il rischio, infatti, è che, se il lipoma non viene tolto completamente, alcune cellule rimaste possano proliferare di nuovo.

Gli altri tipi di intervento sono:  la laserterapia, la liposuzione o trattamenti a base di sostanze che inducono la lipolisi, cioè la decomposizione delle cellule adipose.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}