• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.641 visite

Sauna, il beneficio che pochi conoscono

Come se non bastassero tutti i benefici già noti, spuntano fuori due nuove proprietà della sauna.

Sauna, il beneficio che pochi conoscono

La Sauna? Come se non bastassero tutti i benefici già noti, spuntano fuori due nuove proprietà duna dei quali decisamente sorprendente che riguarda il cuore.

Originaria della Scandinavia, ma altrettanto conosciuta e amata anche da noi, l’immersione nel calore secco oltre che essere depurativa e tonificante, fa infatti bene all´umore; ma soprattutto – e qui sta la novità che sorprende – può dare una mano a chi ha problemi di cuore. Lo conferma una ricerca scientifica giapponese appena pubblicata sulla rivista “American Journal of Cardiology”.

Leggi anche: Le proprietà benefiche della sauna

 

Il calore ed il cuore

Partiamo dal dato più singolare. Sulla base dei risultati di questo studio, condotto grazie ai test su 41 pazienti con insufficienza cardiaca cronica, sembra che le persone con insufficienza cardiaca cronica che si sottopongono a sauna 5 volte alla settimana, per un periodo complessivo di 3 settimane, possano migliorare la loro funzione cardiaca e la quantità di esercizio fisico che si sentono in grado di fare. Una novità assoluta, se si pensa che fino a oggi si nutrivano dubbi sull´opportunità che un cardiopatico potesse farsi una sauna, lasciando ogni decisione alla valutazione preventiva del medico di fiducia.

“Pensiamo che le saune ripetute”, hanno spiegato gli esperti giapponesi, “possano innescare la produzione di ossido nitrico e di altre molecole benefiche per il cuore”.

Gli effetti sull’umore

Allo stesso tempo, gli esperti hanno scoperto che i neuroni che rilasciano la serotonina – il cosiddetto ormone della felicità – rispondono all´aumento della temperatura corporea, spiegando dunque l´effetto piacevole che la sauna ha su molte persone.

 

Leggi anche: Chi deve evitare di fare la sauna

 

Come fare una buona sudata

La permanenza nella zona  di calore dovrebbe durare tra i 5 e i 10 minuti, in ogni caso mai più di un quarto d’ora: l’alta temperatura favorisce infatti spossatezza e improvvisi cali di pressione.

A fine seduta, è consigliabile una doccia fresca e reintegrare i liquidi persi bevendo un bicchiere d’acqua. Tra i benefici, combatte i reumatismi, attenua i dolori cervicali, scioglie le tensioni muscolari, facilita l’eliminazione di scorie e tossine, tonifica il corpo. La pelle si rinnova, si purifica: in una parola, ringiovanisce. E diventa maggiormente resistente agli agenti atmosferici più dannosi, dal freddo al caldo, dal vento allo smog.
I medici dello sport, poi, la consigliano agli atleti: due volte la settimana, viene considerata uno strumento essenziale a complemento dell’allenamento.
Non solo: l’organismo che si sottopone abitualmente alla sauna sviluppa maggiori difese a infezioni delle vie respiratorie (dal semplice raffreddore all’influenza, passando per bronchiti e sinusiti).

 

Leggi anche: Criosauna, una nuova giovinezza contro traumi e fatica

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}