• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero
666 visite

Le arance

Tutte le proprietà della frutta invernale più apprezzata

arance

Tra tutti gli agrumi, le arance sono forse le più apprezzate (nonostante la dura concorrenza dei mandarini). I punti di forza dell’arancia? Sicuramente il suo succo abbondante – dal sapore agrodolce, gradevole, dissetante ed energetico nello stesso tempo – e per le virtù benefiche per l’organismo.

Secondo la cromocosmesi (una disciplina che attribuisce virtù cosmetiche ai colori), l’arancione è il colore del benessere, della vitalità, dell’energia e della gioia di vivere. L’arancione, poi, avrebbe la capacità di risollevare chi sta attraversando un periodo difficile della sua vita.

 

I vari tipi di arance

A seconda delle dimensioni, le arance si distinguono tra:

  • arance da tavola, con la buccia più spessa;
  • arance da spremuta, dalla buccia più sottile.

 

A seconda del colore della polpa si distinguono in:

  • arance bionde;
  • arance sanguigne.

 

Le proprietà nutrizionali

Le arance sono ricche di sostanze molto utili all’organismo. In particolare:

  • acido citrico, che è antiossidante, astringente e disinfettante;
  • vitamine C, PP o niacina, che mantiene le regolari funzioni metaboliche;
  • vitamine del gruppo B, sali minerali e oli essenziali.

 

Il frutto fresco aiuta nelle fragilità capillari, è sedativo e antinfiammatorio.

Mangiare arance e mandarini in quantità, insieme agli altri tipi di agrumi, garantisce il giusto apporto di vitamina C, un potente antiossidante naturale in grado sia di rafforzare il sistema immunitario, sia di favorire l´utilizzo dei grassi e, quindi, di combattere il sovrappeso.

Non solo: tra le proprietà della vitamina C c´è anche quella di aiutare l´organismo a sopportare al meglio le conseguenze dello stress psicofisico.

Leggi anche
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}