• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.367 visite

Infezioni negli spogliatoi? Le 12 regole per evitarle

In 1 caso su 3, le superfici di piscine o palestre nascondono un virus o un batterio: ecco le 12 regole per evitare infezioni negli spogliatoi.

Infezioni negli spogliatoi? Le 12 regole per evitarle

In 1 caso su 3, le maniglie delle porte, i pavimenti, le docce, le panche dello  di un qualsiasi centro sportivo, piscina, palestra,  nascondono un virus, un batterio o un qualcosa che potrebbe  essere causa di un’infezione negli spogliatoi.

Il motivo è che i luoghi dove, prima e dopo aver fatto sport, ci spogliamo,  siamo a contatto con indumenti sporchi, esiste acqua ed umidità sono l’habitat ideale per quei minuscoli nemici della salute che sono i virus ed i batteri.

Ma poiché  l’intera vita è fatta di rischio infezioni, basta conoscere alcune semplici precauzioni  per evitare le infezioni negli spogliatoi e il benessere che procura lo sport alla salute ed alla mente può essere preservato da qualche sgradita sorpresa.

 

Leggi anche: Allarme antibiotici: ecco quando 1 su 2 non funzionano

 

Le 12 regole  anti virus dell’Istituto superiore di Sanità

Benchè le norme esistano, gran parte della prevenzione , infatti, dipende da noi utilizzatori. Ed allora ecco le 12 regole fondamentali per evitare  di prendersi un’infezione negli spogliatoi dei luoghi dove andiamo a fare sport: sono tratte da uno studio ad hoc elaborato dall’Istituto Superiore di Sanità

Leggi anche: Perché i virus preferiscono gli spogliatoi

 

  1. Teli – Usare sempre una salvietta, un telo, da interporre tra il corpo e gli attrezzi; meglio se si tratta di teli  monouso, di tessuto non tessuto, che pur essendo di materiale degradabile, sono resistenti come asciugamani  ed asciugano e proteggono  dai germi
  2. Calzini – Usare calzini di spugna che siano traspiranti che vengono cambiati dopo ogni utilizzo;
  3. Abbigliamento – Utilizzare sempre abbigliamento di cotone e non di nylon che impedisce la traspirazione ed è ricettacolo di germi;
  4. Areazione – assicurarsi che gli impianti di areazione della palestra o dello spogliatoio siano in efficienza ed i filtri vengano regolarmente cambiati e manutenuti, perché è nei filtri che si depositano  le quantità maggiori di germi e batteri;

 

Asciugamani monouso  usa e getta per palestre piscine : OFFERTA 20 PEZZI ACQUISTA ORA

 

5. Acqua calda– assicurarsi che gli impianti centralizzati d’acqua calda  che alimentano le docce siano manutenuti e filtrati a dovere perché è nei tubi dell’acqua calda che a volte si annida  il virus responsabile della legionella;

6. Piedi– entare in doccia sempre con le scarpette o ciabattine da doccia per evitare il contatto con l’acqua stagnante dei piatti doccia o con le superfici potenzialmednte infette;

7. Come asciugarsi– asciugarsi bene dopo la doccia ed eliminare tutti i ristagni di umidità, soprattutto tra le dita dei piedi o all’inguine;

8. Asciugamani– Usare  asciugamani di carta monouso usa e getta anche per sedersi sulle panche degli spogliatoi o della sauna e tappetini da poggiare a terra sui quali poggiare i piedi prima di  rivestirsi;

 

Leggi anche: Manuale per un’igiene perfetta

 

9. Borsa della palestra– svuotare subito la borsa della palestra una volta rientrati a casa ed eliminare l’abbigliamento sporco ed umido che è covo di germi e della loro proliferazione; periodicamente svuotare integralmente e lavare la borsa della palestra nella quale si ripongono  gli indumenti sportivi;

10. Graffi e ferite– coprire eventuali graffi o ferite sui piedi o sulle mani e braccia quando si entra in doccia perché l’acqua e l’umidità possono alimentare l’infezione delle ferite aperte;

11. Sauna– la sauna uccide i germi per l’alta teneratura al suo interbo (80-90°) ma se la temperatura non è continua, occorre aumentare la frequenza della pulizia della sauna perché l’alternanza della teperatura alta e bassa favorisce la proliferazione di germi.

12. Vaccini– È buona norma infine vaccinarsi contro l’influenza perchè   recenti ricerche hanno dimostrato che gli atleti, soprattutto quelli che svolgono attività agonistica, a causa della fatica e dello stress soffrono di un abbassamento delle difese immunitarie e dunque sono più vulnerabili di altri a contrarre il virus influenzale.

 

Quale è lo sport più adatto a te? Scoprilo con IL TEST

 

Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}