• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero
1.015 visite

L’anguria

L’anguria possiede la più alta percentuale di acqua, il 95%, fra tutti i frutti in natura

Anguria

Se c’è un frutto, tipico dell’estate, che può essere a pieno titolo definito “amico di ogni dieta”, quello è l’anguria. Che lo chiamiate anguria o cocomero, parliamo di un vero principe dell’alimentazione sana: con le sue pochissime calorie (16 per 100 g), con la totale assenza di grassi e i pochissimi zuccheri che contiene, non potreste trovare di meglio, se state seguendo una dieta per perdere peso o evitare il sovrappeso.

 

Dolce nonostante pochissimi zuccheri

Avete letto bene: pochissimi zuccheri. Da cosa proviene, allora, il suo tipico sapore dolce? Non dai glucidi (cioè dagli zuccheri, presenti solo con 3,70 g ogni 100 g), ma da sostanze aromatiche naturali che danno anche un senso di sazietà.

 

Dissetante grazie a tanta acqua
C’è poi un altro vantaggio nel mangiare una fetta fredda di cocomero. Quale? Quando fa molto caldo, non c’è frutto in natura che disseti di più: l’anguria possiede infatti la più alta percentuale di acqua, il 95%.
Un’unica raccomandazione: meglio non ingoiare i semi, perché contengono sostanze che hanno forti effetti lassativi e possono creare problemi di digestione.

 

Come si sceglie l’anguria

Forse l’avrete visto fare da quelli più esperti di voi, date colpetti alla scorza del cocomero con le nocche delle dita: più il rumore è profondo, più il frutto è maturo. Se avrete la fortuna di trovarne uno già tagliato a metà, verificate che la polpa non presenti strisce bianche e semi chiari perché significa che non è maturo.

 

Un trucco pro dieta

Un segreto? Provate a mangiarne una fetta prima di mettervi a tavola: vedrete che il vostro appetito diminuirà e sarete tentati a mangiare di meno.

Leggi anche
Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}