• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

10.406 visite

L’amaro a fine pasto? Ecco perchè non fa digerire

Perchè l’amaro a fine pasto non aiuta la digestione e fa anche ingrassare. Tutto quello che c’è da sapere.

Per molti è un’abitudine imprescindibile. Ma sull’amaro, il liquore più o meno alcolico a base di erbe che si prende di solito dopo un pranzo o una cena abbondanti con la scusa che “fa digerire”, circolano tanti luoghi comuni…

 

L’amaro non fa digerire

Cominciamo con una sorpresa. Al contrario di quanto si pensi comunemente, l’idea che l’amaro aiuti la digestione è soltanto un’illusione. Tutto nasce dalla sensazione di leggero bruciore che si avverte nello stomaco.

Il gusto amaro delle erbe, infatti, stimola le papille gustative e aumenta la secrezione di saliva e di succhi gastrici, ma allo stesso tempo l’alta gradazione alcolica (la maggior parte degli amari si aggira intorno ai 30-35°) irrita le pareti dello stomaco e può rallentarne lo svuotamento. Una bevanda a bassa gradazione alcolica (10-14°), come il vino, può invece favorire la digestione perché l’alcol, a piccole dosi, stimola la secrezione gastrica.

E’ il motivo per cui l’unico amaro che “funziona” davvero, stimolando il processo della digestione, è quello a base di rabarbaro: la sua gradazione alcolica è molto bassa (12,5°).

 

Leggi anche: Digestione, le 11 cose che non ti aspetti

 

Va sempre bevuto dopo i pasti

A stomaco vuoto l’alcol è ancora più dannoso per l’organismo perché la mucosa gastrica non è protetta dal cibo ed è dunque più vulnerabile. Ecco perché il miglior momento per bere l’amaro è al termine del pasto più abbondante della giornata.

 

Sì, l’amaro fa ingrassare

Un bicchiere di amaro da 30 ml contiene 55 calorie (5 arrivano dagli zuccheri, introdotti per “correggere” il gusto amaro delle erbe, le altre 50 dall’alcol). Chi ha problemi di linea, dunque, farebbe meglio a evitare gli amari, come del resto tutte le bevande alcoliche (ricche di calorie, anche se non contengono zuccheri).

 

Sai calcolare le calorie del piatto che mangi? Scoprilo con IL TEST

 

Meglio prenderlo con il ghiaccio

Far sciogliere il ghiaccio significa “allungare” l’amaro con l’acqua e, dunque, abbassare la gradazione alcolica. L’aspetto negativo è che si perde, in parte, il gusto dato dalle erbe.

Il gusto dipende dalle erbe

Il gusto dell´amaro dipende soprattutto dalle erbe: le più comuni sono l’arancio amaro, il luppolo, l’angelica, la china, la noce vomica, la radice di genziana, il mirto sardo…

 

Leggi anche: Bicarbonato, 10 usi che ti migliorano la vita e anche l’aspetto

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}