• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

879 visite

La vaccinazione contro l’influenza

Può essere necessaria a seconda della destinazione e della lunghezza del viaggio

La vaccinazione contro l'influenza

Può essere necessaria a viaggiatori a seconda della destinazione e della lunghezza del viaggio. Tutti i viaggiatori anziani devono ricevere un vaccino subvirionico contro l’influenza a sub unità. La vaccinazione contro l’influenza rimane il mezzo migliore in termini di costi/efficacia e costo/beneficio, per prevenire l’influenza; all’influenza sono associate serie complicazioni, qualora si verifichino superinfezioni batteriche;  essa inoltre è responsabile di un eccesso di mortalità nelle categorie di soggetti maggiormente a rischio in ragione dell’età avanzata o della preesistenza di condizioni morbose predisponenti. Sono disponibili vaccini a base di virus interi inattivati e vaccini subvirionici con o senza adiuvanti. I vaccini sub-virionici  si dividono:

  • split-virus vaccini, costituiti da particelle virali frammentate e purificate;
  • vaccini contenenti soltanto gli antigeni di superficie emoagglutinina e neuroaminidasi.

Questi ultimi vaccini sono da preferire.  Poiché la maggior parte della popolazione è stata, con tutta la probabilità, infettata dai virus influenzali A
(H3N2), A(H1N1) e B nel corso degli ultimi anni, una sola dose di vaccino antinfluenzale è sufficiente per i soggetti di tutte le età, con esclusione dell’età infantile; la vaccinazione si somministra dalla metà di ottobre fino alla fine di novembre, rimane comunque un efficace mezzo protettivo anche se viene effettuata in periodi successivi a quello ottimale. Il vaccino antiinfluenzale va somministrato per via intramuscolare mediante l’inoculazione nel deltoide per tutti i soggetti di età superiore a dodici anni e nella faccia antero-laterale della coscia dei bambini e nei lattanti;  Può essere somministrato, utilizzando sedi corporee e siringhe diverse contemporaneamente ad altri vaccini, sia pediatrici che per l’età adulta.
Affezioni minori delle prime vie aeree non controindicano in modo assoluto la somministrazione del vaccino. Gli effetti collaterali riferiti più frequentemente dopo la somministrazione di vaccino antinfluenzale consistono in dolori, eritema, tumefazioni nel sito di inoculo.

Leggi anche
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}