• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.957 visite

La vaccinazione antirabbica

E’ raccomandata per viaggi nelle zone endemiche di Asia, Africa e America Latina

La vaccinazione antirabbica

Per soggiorni superiori ai trenta giorni, per bambini che vivono in aree in cui è facile incontrare animali rabbiosi, e per viaggiatori che si recano in aree iperendemiche dell’Asia, dell’Africa, e dell’America Latina si raccomanda la vaccinazione antirabbica. Attualmente per la immunoprofilassi della rabbia sono disponibili:

  • il vaccino costituito da virus inattivato coltivato su cellule Diploidi Umane (HDCV)
  • il vaccino a virus inattivato purificato allestito su uova embrionate di anatra (PDEV)
  • le immunoglobuline antirabiche sia omologhe che eterologhe le quali conferiscono una protezione passiva immediata ma di breve durata avendo tempo di dimezzamento di circa 21 giorni.

Sia l’HDCV che il PDEV inducono una attiva risposta immunitaria al tippo cellulare e attraverso la produzione di anticorpi neutralizzati di tipo umorale. Quest’ultima si manifesta abitualmente da sette a dieci giorni dopo la somministrazione della prima dose di vaccino raggiungendo livelli considerati protettivi intorno al quattordicesimo giorno e persistendo per circa due anni. La vaccinazione pre-esposizione anche se non elimina la necessità del trattamento profilattico dopo esposizione al virus rabbico lo semplifica rendendo superflua la somministrazione di immunoglobuline e riducendo le dosi di vaccino necessarie
la vaccinazione pre-esposizione consta di tre dosi di HDCV ai giorni 0-7-28 offre una efficace risposta anticorpale, in quanto il ciclo vaccinale ha riportato allo sviluppo di anticorpi, praticamente nel 100% delle persone vaccinate. La vaccinazione preventiva (tre dosi 0-7-21 giorni) non esima dalla necessità di farsi somministrare prontamente un trattamento antirabbico dopo un contatto con un animale rabbico o il cui comportamento è sospetto. Nella post-esposizione: per soggetti vaccinati, si pratica una dose nei giorni
0-3; nei soggetti non vaccinati, si pratica una dose ai giorni 0-3-7-14-28 (schedula standard WHO) IM+RIG (immunoglobuline specifiche)  20 unità/ kg. di peso: metà peri-lesionale.
Una alternativa è la somministrazione al primo giorno di due dosi deltoide DX. e SN.,+RIG le successive due dosi si somministrano ai giorni 7-21. Dato che la somministrazione di meflochina e/o di clorochina può diminuire l’efficacia della vaccinazione antirabbica effettuata per via intradermica, non si consiglia la somministrazione del vaccino antirabbico per questa via.

Leggi anche
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}