• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.101 visite

La pausa caffè? Ecco l’ora migliore per essere produttivi

Tre interruzioni da 10 minuti ciascuna, prima dei momenti critici della giornata, aiutano ad aumentare la produttività

Altro che sintomo di nullafacenza: la pausa caffè aiuta ad aumentare la produttività, non a diminuirla. Sempre a patto, però, che sia fatta con criterio e senza esagerare. La “dose” ideale giornaliera? Tre break da 10 minuti ciascuno, poco prima dei momenti critici.

La ricetta è dello psicologo Guido Sarchielli, docente di psicologia del lavoro all’università di Bologna, intervistato dal mensile “Focus”.

 

Bevi troppi caffè? Scoprilo con IL TEST

 

Il momento giusto per il break

 

Il momento ideale per un break? “Dopo le 11 e verso le 14.30. Un´ulteriore pausa si può prendere a metà mattina o un´ora prima di fine giornata”, aggiunge l´esperto.

La ragione è che è in questi intervalli d’orario che l’organismo richiede una pausa rigenerante, generalmente preceduta da intensa attività lavorativa. Ma occorrerebbe non sgarrare da questi orari per non interferire nel metabolismo che produce in certi orari della giornata una elevata concentrazione di cortisolo, la sostanza  prodotta dall’organismo che  ci stimola ad essere vigili.

Se infatti il caffè che prendiamo si dovesse sommare  negli stessi orari al cortisolo prodotto dall’organismo in via autonoma, si cumulerebbero un eccesso di effetti stimolanti che potrebbero  essere dannosi.

 

 

Leggi anche: Ecco perchè anche il caffè ha  i suoi orari

 

 

Secondo Serchielli tuttavia, la pausa caffè ha anche il pregio di essere un ottimo rivelatore dell’umore che si respira sul luogo di lavoro: sostiene infatti che “la dilatazione del tempo davanti alle macchine, più di 10 minuti, l´alta frequenza dei caffè o l´eccessivo lamentarsi coi colleghi sono segnali di difficoltà sul posto di lavoro”.

 

Leggi anche: 5 modi per stressarsi di meno sul luogo di lavoro

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}