• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.529 visite

La musica si ascolta meglio a occhi chiusi

Il coinvolgimento emotivo è maggiore, il cervello risponde in modo più attivo. E l’esperienza diventa molto coinvolgente

17 SET – Le colonne sonore di film horror fanno più paura se ascoltate ad occhi chiusi. Il potere dell´immaginazione, come dimostra una nuova ricerca dell´Università di Tel Aviv (Israele), è sufficiente per scatenare in noi una paura maggiore. Talma Hendler, ricercatrice a capo dello studio pubblicato sulla rivista “PLoS One”, ritiene che questa scoperta potrebbe spianare la strada a nuovi trattamenti per le malattie neurologiche come Alzheimer e Parkinson.
"L´atto di chiudere gli occhi volontariamente quando si ascolta una musica può causare una risposta maggiore del cervello", ha spiegato Hedler. "Con gli occhi chiusi, infatti, si attiva una regione del cervello chiamata amigdala, e l´esperienza musicale diventa emotivamente e fisicamente più intensa", ha detto. Grazie alle tecniche di immagini computerizzate, i ricercatori hanno osservato i cambiamenti del cervello in risposta alla musica in maniera non invasiva. "Piccoli cambiamenti fisici, come chiudere gli occhi, possono alterare la risposta alle emozioni. Le nostre esperienze mentali possono essere diverse a seconda della postura", ha detto Hendler. "Tutti questi risultati ci possono aiutare nel trattamento di malattie come il Parkinson e l´Alzheimer, permettendo ai pazienti di modificare la loro risposta emotiva senza usare medicinali e sostanze chimiche. Non è escluso – ha concluso – che la terapia musicale possa essere usata per trattare le malattie neurologiche".

Redazione Staibene.it – 2009
Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}