• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

721 visite

Le 7 regole per una stretta di mano perfetta (e di successo)

Dalla stretta di mano si capisce cosa pensi: uno studio scientifico individua le caratteristiche per non fallire mai al momento di presentarsi (o di siglare un accordo)

La stretta di mano?à E’ come il sorriso, è un biglietto da visita di se stessi, quando ci si presenta a qualcuno o quando si stringe un accordo (di lavoro e non solo).

La stretta di mano è molto importante, nelle relazioni sociali: è stato calcolato che, in media, ciascuno di noi la fa almeno 15 mila volte in una vita. Ma quanti sanno come regolarsi, nel momento fatidico di porgere la destra a chi ci è di fronte? Stringere forte o lasciare la mano molto molle? Scuotere il braccio vigorosamente o rimanere bloccati come fossimo in fotografia?

Uno studio scientifico ha finalmente individuato la formula della stretta di mano perfetta.

 

Leggi anche: Cosà è fatto il viso del leader che ispira fiducia

 

La stretta di mano perfetta

Una ricerca condotta da Geoffrey Beattie, psicologo dellA?Università di Manchester, e commissionata dalla Chevrolet, ha scoperto che sette cittadini britannici su dieci sbagliano la stretta di mano.

Nel 70 % dei casi lA?errore più comune è la mancanza di fiducia e sicurezza nel compiere il gesto.

Per superare questo limite lo psicologo ha messo a punto una formula matematica unica nel suo genere per la stretta di mano perfetta.

Nel realizzarla Beattie ha tenuto conto di 12 misure chiave come ad esempio il vigore, il contatto visivo, la temperatura della mano, la posizione e la lunghezza. Tutti elementi necessari per trasmettere rispetto e fiducia. Ed è risultato che….(segue)

 

Hai carisma e fascino? Scoprilo con IL TEST

 

 

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}