• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.812 visite

La dieta della pasta? Esiste. Funziona così!

E’ possibile dimagrire 3 chili in un mese anche mangiando la pasta asciutta tutti i giorni a patto di seguire queste semplici regole: tutto quello che c’è da sapere su quantità, condimenti e composizione del pasto.

La pasta è il simbolo, il marchio di fabbrica del nostro Paese. Inutile negarlo: siamo un popolo di pastasciuttari, orgogliosi dei nostri spaghetti e incapaci di rinunciare a tagliatelle e sughetti di pomodoro. Dobbiamo pentircene? E come la mettiamo con la linea?Non c’è nulla di cui preoccuparsi.

 

Le proprietà nutrizionali

La pasta è un prodotto dalle elevate proprietà nutrizionali: ha un alto valore energetico e fornisce energia a rilascio lento, grazie all’amido che viene assorbito più lentamente, quindi prolunga l’effetto saziante, facendo sì che non venga fame tra un pasto e l’altro. Inoltre si digerisce con facilità e in modo più rapido rispetto a molti altri alimenti. Ecco perché è il piatto principe degli sportivi.

 

Leggi anche: La pasta integrale? Perchè ti salva il cuore

 

Inoltre ha un discreto contenuto di proteine ( tra 11 e 13 grammi per etto, una buona digeribilità favorita anche dalla povertà di grassi, circa 300 grammi per etto, al netto dei condimenti,  ha poche vitamine ed è squilibrata nel contenuto di sali minerali, dove si registra una netta prevalenza di potassio.
Quando alla completezza nutrizionale, poiché  è il perno della dieta mediterranea e viene associata generalmente condimenti sani come verdure, pesce, carni, ortaggi, risulta un piatto unico equilibrato e salutare.

Inoltre, tra gli alimenti ricchi di amido, come patate e riso, la pasta ha un vantaggio in più; ha un indice glicemico più basso il che significa che produce una risposta insulinica minore  della pasta e del riso e dunque è meno ingrassante.

Nessun problema dunque ? Dipende.

 

Quanta pasta nella dieta

Il punto dolente sono le quantità. Quando mangiamo un piatto di pasta ed è di ottimo sapore e con cottura al punto giusto, corriamo il rischio spesso di cadere nella tentazione di mangiarne  più del necessario.

 

Leggi anche: Troppa pasta e dolci? Come smantirli con l’aiuto dell’aceto

 

La dose giusta non dovrebbe mai superare gli 80 grammi, ovvero ……

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}