• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

292 visite

La rivincita del pessimista: la scienza scopre i suoi vantaggi

I pessimisti provano ad avere la loro rivincita sugli ottimisti grazie ad un nuovo studio che documenta, addirittura la serie di vantaggi che hanno rispetto agli altri. Alcuni sono sorprendenti. Ecco quali.

pessimista

Criticati, emarginati, respinti dalla società quasi fossero menagramo o “gufi” in servizio permanente effettivo, i pessimisti  provano ad avere la loro rivincita sugli ottimisti grazie ad un nuovo studio  che documenta, addirittura la serie di vantaggi che hanno rispetto agli altri.

Ma di che si tratta e  per quale recondito motivo  in un’epoca in cui la psicosomatica ci dice che se pensi positivo guarisci addirittura prima, la psicologia invece ci dice anche che campi di meno?

 

Leggi anche: Ma secondo altri il pessimismo ammala e l’ottimismo cura

 

 

Perchè imitare il pessimista

A gettare il sasso nello stagno della discussione è il saggio scritto da Gabriele Oettingen, docente di psicologia alla New York University dal titolo ” Io non penso positivo: come realizzare i tuoi desideri”.

Già il titolo sembra una contraddizione in termini: come fa, infatti, un tipo che  non pensa positivo  e per il quale sembrerebbe difettare la giusta convinzione nel fare le cose, a centrare i suoi obiettivi?

Lo psicologo americano ha le sue convinzioni e le spiega così: secondo una serie di espertimenti ha accertato che chi si immagina un traguardo si rilassa come se davvero lo avesse già tagliato.

 

Sei ottimista o pessimista? Scoprilo con IL TEST

 

Un esempio viene da una delle più psicologiche discipline sportive esistenti, il tennis: infatti è molto frequente che nel momento in cui un giocatore, anche molto titolato, sia ad un passo dalla vittoria di un match, qualcosa nella sua testa lo convinca che ormai è fatta e, puntuale, arrivala debacle, con la sconfitta e la vittoria dell’avversario per il quale invece accade esattamente il contrario: nel momento in cui psicologicamente non ha quasi più nulla da perdere, ritrova la motivazione necessaria a ribaltare la situazione negativa volgendola a suo favore.

 

Leggi anche: Pesssimisti si nasce: colpa di un gene

 

Tag:
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}