• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.981 visite

La frigidità femminile

Consiste nello scarso interesse della donna per l’attività sessuale

La frigidità femminile

Frigidità è un termine generico e negativamente connotato, usato per indicare diverse problematiche legate all’eccitamento sessuale, specificamente con riferimento alla donna.

La frigidità consisterebbe nello scarso interesse mostrato per l’attività sessuale, prescindendo dalle motivazioni fisiche, psicologiche o relazionali collegate a questo mancato interesse.

Oggi il termine è considerato obsoleto, poiché vago e impreciso, per cui si preferisce parlare di disturbi specifici di natura psichica o fisica, quali:

  • anedonia
  • anorgasmia
  • desiderio sessuale ipoattivo
  • dispareunia
  • inibizione sessuale
  • mancanza di lubrificazione
  • vaginismo
  • vulvodinia

È necessario distinguere fra:

  1. frigidità primaria, che esiste da sempre;
  2. frigidità secondaria, che insorge dopo un periodo di normale funzionamento;
  3. frigidità situazionale, che si manifesta solo con alcuni partner o in particolari condizioni;
  4. frigidità occasionale, che è un evento saltuario o casuale.

Le altre cause

In alcuni casi il problema della frigidità può scaturire da una situazione medica (ad esempio, l’uso di determinati farmaci, una malattia, un tumore), può essere causata da eventi di vita (un lutto, la menopausa senile o precoce), dalla condizione relazionale della donna (per esempio un rapporto di coppia in cui sono presenti conflitti irrisolti oppure scarsa attenzione, sentimentale e fisica, da parte del partner sessuale). In questi casi può essere utile una consulenza sessuologica o una terapia familiare.

I sintomi della frigidità

Infine, l’esordio della frigidità può essere una manifestazione sintomatica, da parte della donna, di problematiche sessuali in realtà riguardanti il suo partner, quali impotenza (disfunzione erettile), eiaculazione precoce e via dicendo. In questi casi è auspicabile, per la risoluzione del problema, la partecipazione attiva del partner alla terapia.

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}