• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

11 visite

La colazione dei bambini: 10 regole da non dimenticare

La colazioneA� del mattino ha un’importanza fondamentale per i bambini, perchA?A� costituisce la riserva di energia necessaria a sostenereA� gli sforzi che nella prima parte della giornata, sono per i bambini spesso quelli maggiori.

 

I pediatri lo sanno ed hanno elaborato un decalogo per la colazione dei bambini cheA� i genitori dovrebbero tenere sempre a mente o appeso nella cucina.

Ecco le 10 regole da non dimenticare

 

1) Non saltare la prima colazione

LaA�prima colazione, anche se si limita a una banana e a un bicchiere di latte, risveglia l’organismo e consente di mantenere un buon livello di energia per tutto il giorno.
I bambini che imparano fin da piccoli a iniziare la giornata con ilA�rituale della prima colazioneA�hanno piA? probabilitA� di conservare nel tempo questaA�buona abitudine.

 

Tuo figlio sa fare colazione in modo sano? Scoprilo con il TEST

 

2) Scegliere spuntini piA? sani

Sgranocchiare patatine o biscotti A? una tentazione fin troppo forte quando quel certo languorino comincia a farsi sentire, ma questi snack sono in genere poveri di sostanze nutritive e ricchi di calorie.
Per non rinunciare al piacere dello spuntino, meglio fare scorta diA�alternative piA? saneA�come frutta, popcorn cotti ad aria calda, noci non salate e yogurt non zuccherati.

 

3) Bere acqua

L’acqua non deve mai mancare a tavolaA�all’ora dei pasti, mentre succhi di frutta e bevande zuccherate dovrebbero essere consumati solo di tanto in tanto.
Anche se i succhi di frutta contengono preziose sostanze nutritive e rappresentano un utilissimo concentrato di energia per un organismo giovane e in crescita,A�i bambini dovrebbero bere anzitutto acquaA�per dissetarsi, non bevande con aggiunta di zucchero.

 

4) Coltivare… il proprio orto

Coltivare ortaggi e piante aromatiche in casaA�puA? essere un modo divertente per far scoprire ai bambiniA�come nascono gli alimentiA�che consumano e incoraggiarli cosA� ad adottare una dieta piA? varia.
Saranno infatti piA? disposti ad assaggiare broccoli o carote se li hanno seminati o raccolti con le loro mani. E non A? necessario avere un giardino: anche un semplice vaso da davanzale si presta perfettamente allo scopo.

 

Leggi anche; I cereali a colazione: A? vero che fanno bene?

 

5) Mangiare insieme

Cenare davanti alla TV, ingurgitare il pranzo seduti alla scrivania o mandare giA? un boccone in tutta fretta prima di uscire sono situazioni che possono capitare, certo. L’importante A? che rimangano episodi isolati.
Incoraggiare i bambini a consumare pasti regolari a tavola insieme alla famigliaA�A? utile non solo per ridurre la tendenza a sgranocchiare durante la giornata, ma anche per insegnare ai piccoli a interagire con gli altri e a socializzare.

 

6) Divertirsi in cucina

I bambini saranno piA? propensi ad esplorare nuovi saporiA�se sanno come cucinare e se imparano a divertirsi in cucina.A�Trasformarli in piccoli cuochi, con tanto di grembiule, e abituarli ad aiutare regolarmente in cucina puA? essere unA�gioco molto divertente ed educativo.
Quando saranno piA? grandicelli e avranno acquisito la sicurezza necessaria, potranno perfino occuparsi della cena una volta alla settimana. Se lasciare i bambini liberi di armeggiare tra pentole e fornelli sembra troppo rischiosa, perchA� non iscriverli a un corso di cucina durante le vacanze?

 

7) Rallentare il ritmo

Mangiare lentamenteA�facilita il controllo del peso a qualsiasi etA�. A? inoltre un metodo semplice ma molto efficace per mostrare ai bambini che il pasto deve durare almeno 20 minuti perchA� il cervello abbia il tempo di ricevere il segnale di sazietA� dallo stomaco.
Anche se preferiremmo tutti vedere i nostri figli mangiare con appetito, anzichA� giocare con le posate per ore, A? molto piA? importante che imparino ad assaporare ogni boccone e aA�masticare correttamente il cibo.

 

8) Essere creativi

I colori brillanti di frutta e verdura sono prodotti da sostanze chimiche naturali che hanno effetti benefici sull’organismo umano. L’effetto varia a seconda del colore, quindi A? importante “nutrirsi di colori diversi” ogni giorno.
Preparare spuntini colorati, come una macedonia di frutta, o tagliare le verdure in maniera insolita, creando forme curiose, puA? rendere il pastoA�piA? divertente e interessante per i bambini, che saranno cosA� stimolati a nutrirsi bene.

 

Leggi anche: Cosa rischi se salti la colazione del mattino

 

9) Imparare a dire basta

Anche se i bambini hanno la capacitA� innata di smettere di mangiare quando sono sazi, spesso per i genitori A? difficile valutare se hanno consumato gli alimenti giusti e nelle giuste quantitA�.
Insegnare ai bambini ad ascoltare il proprio corpoA�e a porsi domande sulla quantitA� e la qualitA� del cibo, chiedendosi ad esempio “La mia pancia A? piena?” o “Mi sentirA? male se mangio altri biscotti?”, A? importante per aiutarli a sviluppare la capacitA� di percepire il senso di sazietA�.

 

10) Non arrendersi

Dalla ricerca NestlA� risulta che, nella maggior parte dei casi, neonati e bambini devono assaggiare un nuovo alimento da sette a dieci volte prima di riuscire ad apprezzarne il sapore. Non c’A? motivo quindi di esitare a proporre cibi insoliti o piA? esotici.
Dire ai bambini che se assaggiano volentieri cose nuove significa che stanno diventando grandi A? un buon metodo perA�indurli a consumare un’ampia varietA� di alimenti, pertanto a nutrirsi bene.A�In alternativa, A? utile portarli a fare la spesa e lasciarli scegliere una novitA� sana e appetitosa da servire a casa insieme al loro piatto preferito.

 

Leggi anche: ObesitA� nei bambini: io 3 maggiori fattori di rischio

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}