• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.826 visite

La carne rossa

Le carni rosse contribuiscono a sviluppare il senso di sazietà

carne rossa

Quando pensiamo alla carne, la prima immagine che ci viene in mente è la carne rossa, il manzo e il vitellone insomma. Ma quali sono esattamente le sue caratteristiche? Cerchiamo di conoscerle meglio.

Le caratteristiche nutrizionali della carne rossa

La carne rossa è fonte di proteine molto utili per l’organismo. In particolare, i tagli più tipici (dalla costata al filetto, dalla lombata al girello) forniscono circa 20-21 grammi di proteine per 100 grammi.

Quanto ai grassi, il discorso è meno uniforme: a seconda dei tagli, l’apporto può essere molto diverso. Da questo punto di vista, i tagli più grasso sono la punta di petto e il biancostato (oltre 8 grammi per 100 grammi di prodotto); i tagli meno grassi sono invece la spalla, la fesa, lo scamone e il girello (sotto i 3 grammi ogni 100 grammi di carne).

E le calorie? In cima alla classifica ci sono il biancostato e la punta di petto (155 calorie per 100 grammi), seguito dalla costata e dalla lombata (140); i meno calorici sono fesa, girello e scamone (poco più di 100 calorie per 100 grammi).

Attenzione ai grassi

Rispetto alle altre varietà, la carne rossa è più ricca di grassi saturi, di cui l’organismo non ha bisogno (perché è in grado di produrli da solo) e che contribuiscono ad aumentare i livelli di colesterolo.

I grassi presenti nella carne rossa sono infatti per metà monoinsaturi (grassi “buoni”) e per l’altra saturi, responsabili cioè dell’aumento del colesterolo totale e di quello Ldl (il cosiddetto “colesterolo cattivo”).

A parte il grasso esterno, abbastanza facile da eliminare, nella carne rossa sono presenti grassi nascosti tra le fibre muscolari: ecco perché è importante scegliere con cura il taglio, se vogliamo seguire una dieta a basso regime di grassi.

A proposito di cottura

Fate attenzione alle tecniche di cottura della carne rossa: le più indicate sono quelle in padella e alla griglia, che permettono di eliminare parte dei grassi sciolti.

Un vantaggio che non ti aspetti

Secondo alcune ricerche, l’acido stearico contenuto nella carne di manzo avrebbe la funzione di favorire i processi di rigenerazione e riparazione delle cellule.

Digeribilità e sazietà

Grazie alla lunga permanenza nello stomaco, le carni rosse contribuiscono a sviluppare il senso di sazietà.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}