• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

968 visite

L’avocado? Quanto mangiarne per dimagrire in salute

Aiuta ad assimilare gli zuccheri, abbassa il colesterolo. E fa dimagrire

Mangiare regolarmente avocado può aiutare a ridurre il consumo di zuccheri a tutto vantaggio della dieta, ma a patto che si limitino le dosi a 70 grammi al giorno, più o meno una metà.

Sarebbe questa la dose giusta per stare bene in salute e perdere peso secondo i dati raccolti dal National Health and Nutrition Examination Survey, pubblicati sulla rivista scientifica “Nutrition Journal”, che hanno registrato le informazioni relative a più di 17 mila abitanti degli Stati Uniti raccolte dai Center for Disease Control and Prevention tra il 2001 e il 2008.

 

Di quanto devi dimagrire? Controllalo con il check up del peso

 

Gli effetti sulla dieta e sulla salute


Con il consumo regolare di avocado non solo si è notato una riduzione dell’indice di massa corporea, della circonferenza alla vita e del peso – inferiore, in media, di 3,4 kg – ma anche un aumento di fibre, vitamine e minerali importanti per l’organismo:

  • fibre = +36
  • vitamina E = +23%
  • magnesio  = +13%
  • potassio = +16%
  • vitamina K = +48%

e poi di grassi monoinsaturi (+18%) e polinsaturi (+12%). Risultato? Oltre che un vantaggio per la linea i ricercatori hanno notato un aumento del colesterolo “buono” e una riduzione del 50% della probabilità di sviluppare quell’insieme di fattori di rischio cardiovascolare e diabete, tipici della sindrome metabolica.

Jenny Bor e Thorsten Weiss, nel libro “50 superalimenti” affermano poi che sono proprio i grassi che contiene  l’avocado   che favoriscono la riduzione del peso corporeo in quanto provvedono ad una quasi immediata sensazione di sazietà e in più mantengono basso il livello di insulina nell’organismo.

 

Leggi anche: Perchè nella cella cena erotica l’avocado non deve ma mancare

 

Gli effetti sulla salute

Un altro studio della Universidad Michoacana di San Nicolas de Hidalgo di Morelia, in Messico, ha mostrato per la prima volta che c’è un altro olio, oltre quello d’oliva, altrettanto ricco di sostanze capaci di rallentare l’invecchiamento dell’organismo.

Si tratta proprio dell’olio d’avocado. Questo frutto tropicale fornisce buone dosi di vitamina A ed E, due potenti antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cutaneo e rendono la pelle più elastica e il potassio un minerale molto importante.

Inoltre  la presenza di nutrienti e antiossidanti importanti come gli Omega 3 e l’acido folico uniti alle  vitamine A,C,D.E,K e del gruppo B aiutano a stimolare il sistema immunitario grazie alla capacità di attivare le vitamine C ed E e ciò contribuisce a mantenere pelle e capelli sani  ed a proteggere gengive e denti.

 

 

Leggi anche: Denti sensibili? Tutte le cause ed i rimedi

 

Lo studio

Victor Fulgoni, primo autore dell’analisi, ha spiegato che “questi risultati suggeriscono un’interessante associazione tra il consumo di avocado e una migliore assunzione di nutrienti e altri risultati positivi”.

Tuttavia, lo studio essendo basato sulla semplice analisi delle risposte fornite dai partecipanti, non è sufficiente a dimostrare che sia l’avocado la causa diretta degli effetti osservati. Ciononostante i risultati ottenuti “forniscono importanti indizi per comprendere meglio la relazione tra l’alimentazione e la salute e danno un’indicazione per le future imprese della ricerca”.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}