• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.032 visite

Ipertensione, i 5 organi che rischiano di più

La pressione alta stressa le zone del corpo ricche di capillari. Eccole una per una

Chi ha la pressione alta è affetto da ipertensione che è un vero e proprio stato patologico da tenere molto sotto osservazione perchè danneggia vari organi del corpo umano.

Gli ipertesi sono in Italia oltre il 20% ma attenzione: per  tirare la conclusione che siete ipertesi non basta misurare la pressione una volta sola.

La pressione alta dipende anche da circostanze eccezionali o temporanee. Dunque è bene fare almeno 3 misurazioni in ore diverse, controllare i valori per capire se sono normali e solo se sono concordi trarne le giuste conclusioni. Naturalmente insieme al vostro medico di fiducia.

 

Quali danni provoca l’ipetrensione

Oltre al cuore e all´apparato circolatorio nel suo complesso, sono diversi gli organi che possono subire gravi danni per effetto dell´ipertensione: il cervello, in particolare, gli occhi e i reni. Perché? Queste zone del corpo sono ricchissime di capillari e nello stesso tempo costituite da tessuti molto delicati.
Vediamo nel dettaglio che cosa succede ai vari organi con una pressione eccessiva 24 ore su 24.

Il cuore
Il muscolo cardiaco dell´iperteso fa molta più fatica, rispetto alla norma. A lungo andare, il ventricolo sinistro (che spinge il sangue in ogni angolo del corpo) si ispessisce e riduce la capacità di contrarsi, con il rischio di insufficienza cardiaca.
Il cervello
I disturbi più diffusi legati all´ipertensione sono: cefalea, ronzii, indebolimento dell´udito e vertigini. Nei casi più gravi anche l´ictus dovuto alla rottura dei un vaso.

 

Leggi anche: Pressione alta: 5 regole per misurarsela da soli

gli altri 4 organi sono:….

(segue)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}