• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.655 visite

Integratori per il sesso: come orientarsi nella jungla delle “false verità”

Se pensate che gli integratori che promettono di migliorare il sesso siano la garanzia di una travolgente notte d’amore per San Valentino, fate attenzione a quanto afferma l’articolo pubblicato dalla Harvard Medical School a firma Michael O’Leary.

O’Leary è un urologo dell’Accademia Brigham and Women’s Hospital di Harvard che ha studiato gli effetti dei molti integratori sessuali in commercio ed avverte che, con poche accezioni, la stragrande maggioranza degli integratori che promettono prestazioni straordinarie sotto le lenzuola non sono stati studiati scientificamente e nel 30% dei casi, quando hanno un effetto positivo, questo non deriva dai contenuti dell’integratore ma dal cosiddetto effetto placebo, ovvero dalla convinzione che gli li assume si è fatto sulla loro capacità di funzionare.

Nel pudico linguaggio tecnico, O’Leary parla di “risultato positivo che deriva da trattamento inattivo”, che è come dire , risultato positivo che deriva dall’acqua fresca.

Ma allora come si spiega quel 30% di effetto positivo che comunque alcuni dicono di ricevere?

 

Leggi anche: Afrodisiaci fai-da-te: ecco quelli che funzionano

 

L’importanza del cervello nel sesso

La ricerca condotta dal’urologo della Harvard Medical School cita al riguardo la recensione di uno studio pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, secondo il quale l’analisi effettuata nel 2015 sugli integratori più venduti per la salute sessuale degli uomini ha rilevato poche o nessuna prova a supporto dell’aumento delle prestazioni sessuali.

Se dunque qualcuno li trova efficaci ciò è dovuto all’effetto placebo ed è la conferma che l’organo sessuale più importante dell’uomo e della donna nonè né il pene né la vagina ma il cervello.

Negli uomini, come nelle donne, è infatti il cervello che controlla lo stimolo che porta ad accrescere il flusso di sangue agli organi genitali, ed è sempre il cervello che controlla l’orgasmo e l’eiaculazione. E ciò spiega dunque anche perchè molte persone con una normale funzione vascolare hanno ancora disfunzioni sessuali.

 

 

Perchè sono in vendita integratori sessuali inutili

Ma allora perchè porre in vendita prodotti inefficaci? L’articolo dell’urologo mette in evidenza l’anomalia dei regolamenti validi negli Stati Uniti ed i molti paesi europei tra i quali l’Italia. Le autorità sanitarie sono chiamate, infatti, a controllare l’efficacia di farmaci prima che vengano messi in vendita. Però, se non si tratta di farmaci ma di integratori alimentari l’intervento delle autorità interviene solo quando si ha evidenza che sono insicuri e dannosi. Finchè ciò non è dimostrato, la vendita è libera e ciò alimenta le azioni di marketing e pubblicità di aziende senza scrupoli che millantano per i loro prodotti effetti miracolosi che non arriveranno mai.

 

Ma ci sono alcune eccezioni

Tuttavia non tutti i prodotti in vendita come integratori con effetti sulle prestazioni sessuali sono”bufale”. Ne esistono alcuni i cui contenuti hanno realmente un effetto scientificamente provato, anche se bisogna far attenzione alle controindicazioni.

 

(segue)…

 

Leggi anche: Afrodisiaci, ecco la guida definitiva

Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}