• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.050 visite

Influenza e raffreddore? Curali alle terme

Una terapia preventiva con le acque e i fanghi giusti consente di prevenire con efficacia i mali della brutta stagione

Influenza, raffreddore & Co? Curali alle terme

Gli esperti sostengono che sarà la più forte degli ultimi anni e che metterà ko tra i 5 e i 7 milioni di italiani. Per questo, mai come quest’anno, l’influenza va combattuta con tutte le armi possibili: a cominciare, evidentemente, da quella più efficace, vale a dire la prevenzione. Che può essere anche termale.

Lo scudo anti-influenza
Le cure termali permettono di ridurre il numero e l’intensità degli episodi acuti delle diverse patologie da raffreddamento e, di conseguenza, l’impiego di farmaci”, specifica il dottor Ignazio Carrubba, specialista in Medicina Termale delle Terme di Sirmione. “La presenza dello zolfo, per esempio, svolge un’azione mucolitica, fluidificando le secrezioni. In aggiunta a quest’azione specifica, l’acqua sulfurea salsobromoiodica svolge anche un’azione benefica a livello più generale perché stimola il sistema immunitario. Le cure termali offrono inoltre vantaggi importanti per i pazienti in età pediatrica: sono naturali, ben tollerate, non invasive e non hanno alcuna controindicazione”.

Contro le riniti e le faringiti
Anche le riacutizzazioni delle broncopneumopatie croniche sono più frequenti nella stagione invernale. Così come le riniti e le rinofaringiti, che inducono chi ne soffre a respirare con la bocca esponendosi maggiormente all’aggressione dei batteri.
Le cure termali praticate prima del picco influenzale, in periodo di relativa quiete sintomatologica e associate alla tradizionale terapia farmacologica, ottengono un sicuro miglioramento della funzione respiratoria. Inoltre grazie al miglioramento della funzione mucociliare e all’incremento della difesa immunologica locale rendono le mucose respiratorie, che rappresentano la maggior superficie di contatto tra uomo e ambiente, più resistenti agli agenti virali e batterici.

L’azione salva-voce, naso e orecchie
Le cure termali con acqua sulfurea salsobromoiodica sono inoltre un valido alleato per la prevenzione di patologie quali sinusiti, otiti e tonsilliti, agendo anche sui disturbi relativi alla voce. «Nel trattamento delle sinusiti, ad esempio, la terapia con l’acqua termale di Terme di Sirmione, nota proprio per la sua composizione ricca di zolfo, bromo e iodio, permette di alleviare durata e intensità dei sintomi, facendo registrare significativi miglioramenti delle condizioni generali del paziente colpito da un processo infiammatorio dei seni paranasali e delle fosse nasali. L’acqua sulfurea salsobromoiodica svolge anche un’azione rigenerante sulle mucose delle prime vie aeree prevenendo le infiammazioni e rinforzando le difese immunitarie. Proprio per questo, in primavera, è consigliabile un ciclo di cure inalatorie per ripristinare la clearance mucociliare (meccanismo fiosiologico di rimozione delle secrezioni attraverso le cilia) e l’efficacia funzionale delle vie respiratorie» spiega il dottor Marco Ballarini, specialista otorinolaringoiatra delle Terme di Sirmione.

Redazione Staibene.it – dicembre 2008

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}