• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

362 visite

Influenza, come funziona la lampada ammazza-virus

Mentre i dati ufficiali certificano che l’influenza del 2018 ha mietuto oltre 100 vittime, dai laboratori di ricerca arriva una notizia che potrebbe infliggere un duro colpo ai successi dell’epidemia stagionale più pericolosa. Si tratta di una speciale lampada ammazza-virus dotata di speciali raggi UVC che non danneggiano la salute umana.

 

 

 

Leggi anche: il vero e il falso dell’influenza: scopri quanto ne sai

 

Una piccola rivoluzione

La scoperta viene da gli Stati Uniti , esattamente dal Columbia University Medical Center, dove il ricercatore David Brenner, insieme alla sua equipe di colleghi, sta mettendo a punto una lampada speciale che utilizza i raggi ultravioletti UVC che sono notoriamente germicidi.

Finora tali raggi erano usati solo per sterilizzare i ferri chirurgici con la controindicazione che sono dannosi per la salute umana. E questo è il motivo per il quale l’industria ha prodotto speciali fornetti chiusi, dentro ai quali inserire i ferri da sterilizzare, da accendere come fossero un forno a micro onde.

 

Guarda il fornettoà che sterilizza

 

Partendo da questa osservazione i ricercatori si sono chiesti se, oltre ad uccidere i germi, quegli stessi raggi fossero in grado di abbattere i virus, soprattutto quelli che circolano nei luoghi pubblici, come ospedali, scuole, aeroporti, supermercati, e che proprio per questo motivo sono più rapidi nel diffondersi allargando le epidemie stagionali.

I ricercatori si sono messi al studiare soprattutto il modo di utilizzare le proprietà dei raggi UVC evitando danni alla salute umana.

Hanno sperimentato l’uso di dosi bassissime di raggi ultravioletti in una specie di camera chiusa dove erano stati spruzzati con un aerosol virus dell’influenza H1N1. Ed è stato così possibile appurare che i virus sottoposti a questo tipo di raggi venivano disattivati proprio come lo sarebbero stati con forti dosi di raggi ultravioletti. Mentre i virus presenti nella camera, ma non colpiti dai raggi a bassa intensità, sono rimasti attivi.

Il chA? significa, per il momento, che non sempre alte dosi corrispondono ad alti effetti. Se le ulteriori ricerche confermeranno la scoperta, ognuno potrà avere a casa o in ufficio la sua lampada ammazza-virus e gran parte dei 100 morti e oltre 600 casi gravi causati dall’influienza nel 2018 potrà essere evitata.

 

Leggi anche: PerchA? l’influenza si accanisce contro gli stressati

Tag:
Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}