• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero
789 visite

Ghiaccioli, 4 ricette per farli in casa e non ingrassare

dieta, calorie, estate

Sono rinfrescanti, piacciono ai bambini ma anche agli adulti e sono uno snack ideale per chi deve controllare le calorie della giornata. Non contengono grassi, hanno ingredienti semplici come acqua, tanta frutta e un po’ di zucchero e possono essere preparati anche in casa. Qui di seguito una lista dal meno calorico a quello più calorico per poter scegliere anche quello che si confà più ai vostri gusti.

 

GHIACCIOLO AL LIMONE (45 calorie)
Ingredienti e preparazione
Per 4 ghiaccioli: 2,5 dl di succo di limone, 50 g di zucchero.
Sciogliete nell´acqua bollente lo zucchero e unite il succo di limone. Versate negli stampini e riponete nel freezer fino a quando non si induriscono un po’. Tirateli fuori e inserite i bastoncini, poi rimette in freezer per 6 ore prima di consumarli.

 

Leggi anche: Come scegliere il gelato migliore- Guarda il VIDEO

 

GHIACCCIOLO ALL´ANANAS (50 calorie)

 

Ingredienti e preparazione
Per 6 ghiaccioli: 400 g di ananas, 1 cucchiaio di miele, 20 cl di acqua minerale.
Frullate l´ananas con l´acqua e il miele. Versare negli stampini e mettere in congelatore. Inserite i bastoncini prima che si indurisca troppo e mettete i ghiaccioli di nuovo nel congelatore per altre tre ore.

GHIACCIOLO AL MELONE (55 calorie)
Ingredienti e preparazione
Per 4 ghiaccioli: 1/2 melone, 1 dl di succo di arancia e 1 cucchiaio di sciroppo alla frutta.
Pulite il melone e frullatelo, mischiatelo con il succo di arancia e lo sciroppo e versatelo negli stampini. Mettete in freezer e inserite i bastoncini prima che si indurisca completamente. Tenete in freezer per tre ore prima di consumarli.

 

Qual è il gelato giusto per te? Scoprilo con IL TEST

GHIACCIOLO ALLO YOGURT E FRUTTI DI BOSCO (72 calorie)
Ingredienti e preparazione
Per 6 ghiaccioli: 300 g di yogurt intero, 250 g di frutti di bosco e 5 g di zucchero a velo.
Lavorate lo yogurt con lo zucchero. Lavate i frutti di bosco e incorporateli allo yogurt. Versate negli stampini e mettete in freezer per 3 ore. Infilate i bastoncini prima che diventino duri e poi rimettete in congelatore per altre 3 ore.

Leggi anche: Le ricette dietetiche dell’estate

697 visite

Come preparare un’insalatona light

Gli ingredienti ok e quelli da evitare per l’insalata ideale

Una bella insalatona e la dieta è rispettata. Alzi la mano chi non ha mai neanche solo pensato una frase del genere. Già, perché l’insalata è quasi sempre associato al concetto di alimentazione sana e dietetica. Ma è davvero sempre così?

No, non sempre. Perché se presa da sola l’insalata (fresca del mercato o in busta è lo stesso) è effettivamente il massimo, dal punto di vista della nutrizione light, ecco che basta aggiungere qualche ingrediente sbagliato per far lievitare pericolosamente le calorie. E rovinare tutto…

Gli ingredienti sbagliati

Volete “rovinare” un’insalata? Aggiungete una manciata di olive nere, le patate, il mais, l’emmental e magari anche un po’ di avocado. Otterrete una bomba calorica da quasi 1.000 calorie, più di un piatto di pasta al pomodoro (circa 400 calorie) e una bistecca ai ferri con insalata mista (250 calorie).

 

Leggi anche: Yogurt, l’arma in più contro il gran caldo

 

Gli ingredienti giusti

Come preparare un’insalatona ricca, ma amica della bilancia, in grado di sostituire dal punto di vista nutrizionale un primo e un secondo?

1) Associate sempre le proteine alle verdure: uno a scelta tra uova, tonno, fagioli, pollo, prosciutto o formaggio.

2) Associa sempre anche i carboidrati: mais oppure patate oppure una porzione di pane.

3) Vi piacciono tonno e uova sode insieme? Riducete le quantità di entrambi gli ingredienti: da 60 g a 30 g di tonno al naturale e da 2 a 1 uovo. (segue)

 

Leggi anche: Tutti i falsi miti sulla frutta

6.340 visite

Il mare, un “farmaco” gratuito che cura 16 malattie

La vacanza al mare può rappresentare una vera e propria cura per molte malattie. Scopri i benefici di acqua, sole e salsedine sull’organismo.

Gettate  i farmaci e concedetevi una vacanza al mare. Si proprio lui, il mare, con la sua salsedine, il suo iodio,  la sua aria salsoiodica può rappresentare una vera e propria cura per molte malattie. Le hanno contate:  sono almeno 16.

Quali malattie si curano con il mare

A trarre beneficio da un soggiorno al mare sono le allergie respiratorie (specie da pollini), anemie, artrosi, convalescenze dopo malattie delle vie respiratorie, depressioni, distorsioni, fratture, ipotiroidismo, linfatismo, lussazioni, malattie allergiche della pelle, malattie ginecologiche, malattie reumatiche, osteoporosi, psoriasi, rachitismo. L´importante è sapere come comportarsi per sfruttare al meglio tutti i benefici che si possono trarre da acqua di mare e sole.

 

Omeopatia: Vuoi curarti sena farmaci?Ecco chi può chi non può

 

I benefici dell’acqua di mare

Ecco alcuni fra i principali benefici delle cure a base di maree, ovvero della talassoterapia.

Migliora il respiro. Ma perché il mare è un amico così prezioso? A renderlo del tutto speciale è il cosiddetto aerosol marino. L’aria, vicino alla costa, contiene una quantità più elevata del normale di sali minerali: cloruro di sodio e di magnesio, iodio, calcio, potassio, bromo e silicio. Provengono dalle onde che si rompono sulla riva e dagli spruzzi di acqua marina sollevati dal vento. I primi a beneficiarne sono i polmoni: la respirazione migliora sensibilmente fin dai primi giorni. Ma l’aerosol marino stimola anche il metabolismo, tonifica la circolazione del sangue e potenzia il sistema immunitario.

1.041 visite

Estate in montagna, ecco perché la salute dice si

Tutti i vantaggi per la salute della vacanza in montagna: ecco perchè fa bene all’intestino, all’apparato digerente, all’ulcera, alla pressione alta, all’asma, alla convalescenza, alla depressione: tutti i vantaggi per la salute della vacanza in montagna.

Benchè 3 italiani su 4 scelgano il mare come luogo preferito delle vacanze estive,  la montagna sembra prendersi  da qualche tempo qualche piccola rivincita.

Medici e reumatologi non smettono oviamente  di consigliare il  mare  per i suoi benefici effetti su tutta la gamma della salute umana, a cominciare da i benefici per  dello iodio che favorisce soprattutto i bambini nella fase di crescita, per finire  ai raggi solari che favoriscono la sintesi della vitamina E e rinforzano le difese immunitarie.

La montagna  è indicata,dunque,  per situazioni  più mirate  ma non meno rilevanti, che contribuiscono a farle scalare  posizioni nella classifica della vacanza in salute. l’attrattiva salutare. Ad una condizione peràò: che il soggiorno dur almeno dieci giorni, il tempo di permettere che l’ossigenazione penetri nel metabolismo e lo attivi con le sue proprietà.

Ecco dunque, una piccola sintesi dei benefici della vacanza in montagna

 

A cosa fa bene la montagna

 

L’intestino – Il caldo estivo favorisce un’eccessiva proliferazione di batteri nell’intestino. Di conseguenza, aumentano i rischi di vedere accentuati i sintomi della colite, per esempio, in chi già ne soffre. Questo meccanismo si blocca con l’aria fresca tipica del clima montano.

 

Leggi anche:Stomaco e intestino ko? Ferie in montagna

 

Apparato digerente – La maggiore presenza di ioni negativi esercita un’azione stimolante anche sull’apparato digestivo.

Ulcera – le altitudini medie sono indicatissime per problemi come l’ulcera, che si scatenano soprattutto nei periodi di stress.

Ipertensione –  Nonostante un tempo si pensasse l’esatto contrario, la montagna fa bene anche a chi soffre di ipertensione. E i vantaggi non sono pochi: la concentrazione nell’aria di grandi quantità di ioni negativi dà un’intensa sensazione di benessere all’organismo. Da non dimenticare, poi, l’effetto benefico per l’organismo che si ottiene con una semplice passeggiata lungo i sentieri montani: un movimento di questo tipo migliora lo stato di salute di tutto il sistema cardiovascolare.

Asma – Se soffrite di asma (anche allergica, a condizione però di restare sopra i 1.000 metri di altitudine) e di bronchite cronica, troverete grande giovamento da una vacanza in montagna. Il motivo? Semplice: l’aria è priva di smog e polveri così nocive per chi ha particolari problemi di tipo respiratorio.
E poi, la temperatura decisamente più fresca rispetto alla città rappresenta un ottimo aiuto in più. Positivi effetti sulla respirazione hanno anche le passeggiate lungo i sentieri tra i boschi di conifere, che si caratterizzano per sprigionare sostanze balsamiche piacevoli ed efficaci.

 

Convalescenza – Per il periodo di convalescenza successivo a un intervento chirurgico o una malattia, la vacanza in montagna è la destinazione ideale. I motivi sono diversi: anzitutto, la presenza nell’aria di ioni negativi migliora il metabolismo.

In secondo luogo, la maggiore quantità di ossigeno nell’atmosfera rivitalizza i globuli rossi e rende più attivo e pronto il sistema immunitario. Tutti benefici di cui si può godere al massimo concedendosi passeggiate nelle prime ore del mattino.

 

Leggi anche: Perchè la montagna  è l’ideale dopo una malattia

114 visite

Help Me Write My Essay Has Proved A Good Benefit For Students Essay Writing Service 5homework

Help Me Write My Essay Has Proved A Good Benefit For Students Essay Writing Service 5homework

Majority of the learners do not know how to write an essay. This is mainly because the learners do not have plenty of exposure in producing essays. Institutions are required to educate college students how to write university student essay, but most faculties, universities and colleges do not. This would make it difficult for university student to write university student essay.

The pupil relies upon on help from several sources. In addition, the college students do not know how to carry out sufficient investigate and this has an effect on their grades. Vast majority of the learners depend on enable from custom writing corporations. The amount of companies’ offerings tips on how to create pupil essay has enhanced.

The incredibly subsequent early morning when we all gathered in College then we noticed that there was one particular senior college student who came for his personal work.

We went in the direction of him and then we reviewed to him about our difficulties; he gave us plan to call some college or university essay crafting company or any. We understood his advice and as we achieved at home we typed write my essay and then we saw a lot of web sites there. We have been finding joyful to see this, but one matter which was annoying to us that; as there were hundreds of corporations but now on which we should rely on and spot an order.

CUSTOM WRITING

Writing is a discovered talent, not anything that you possibly can or can’t do. The difference between individuals who appear to generate quickly and those people who do not is How To Write An Essay – Make Your Assignment Extraordinary help to write an essay get very best high quality customized essay writing enable. far more a make a difference of consolation, publicity, and just plain carrying out it. If your mom and dad and early teachers performed phrase online games with you or inspired you to examine, you may be much more at ease with language in spoken and written variety. If you didn’t have early publicity, you can make greater ease and comfort with words for by yourself.

Writing a custom made paper is certainly a difficult activity that is not quick to undertake for just just about every one student. So if you are not in a position to endure its wrath then could talk to for assist close to you. Your teacher is a lot more than happy to responses some of your inquiries with regards to writing great. It is often your duty to seem for assist if you are having any problems.

From internet, you have effortless entry to all close to the planet as a result producing it much easier to get far better and unbiased views. You need to have listened to about a customized term write my paper that assists in the study for your papers.

Essay writing should be carried out in a clear and concise method. If the sentences are far too small, they are viewed as short and choppy and will normally be tricky to study.

If the sentences are way too prolonged, they are thought of operate-on sentences and received’t be recognized possibly. Sentence framework is a single of the most important elements of composing, apart from the written content. No make a difference how great the content is, if the sentences are quick and choppy or run-on, individuals will get bored of looking through it. You want to be equipped to capture the reader and make it really worth their although.

Human methods: custom writing companies do have ample means and manpower. Considering that it is their company to provide consumers who require content articles, they go out of their way to recruit seasoned writers and editors. Their writers are categorised according to subjects a single is in a position to tackle. There are writers who offer with legislation, business, finance, wellness and other regions.

When you purchase content from them, you previously have an assurance that they ended up prepared by the suitable people today.

WRITING ESSAY

In superior faculty college students will be faced with several forms of essay producing. For instance narrative essay producing in the class do the job or admission essay crafting. In advance of you get admitted to the large faculty of your alternative the school may possibly need that you compose an admission essay.

This essay will be employed to choose your intelligence stages and how successfully you can categorical your self. We can give this type of enable in essay producing also. Often the college students may possibly as an alternative choose to create their own essay but even now will need aid and direction in performing so. We offer you expert assist in essay composing through the move by action information traces that we give on how to appear up with a superior essay.

When you acquire article content on-line, you need to make guaranteed you can get cost-free edits.

No cost edits signifies you can ask for the post to be re-prepared or edited for spelling or grammar errors (this can also be accomplished for formatting requests). To keep away from this, it is essential to be a certain as possible when building orders for content material. Some creating expert services do not supply modifying products and services, which can really be a trouble.

340 visite

Aria condizionata, guida all’uso senza rischi

Aria condizionata : come sfruttarla al massimo e non rimetterci la salute, salvandosi da torcicolli ed altri guai.

Quando il caldo e l´afa non danno tregua, ma non è possibile andare in vacanza, l´aria condizionata è l´unica possibilità di salvezza. Ma i condizionatori, se risolvono alcuni problemi, potrebbero crearne altri, perciò nella scelta e nell´uso è bene seguire alcune regole.



Raffreddare e deumidificare

Innanzitutto, è meglio acquistare un apparecchio che, oltre a raffreddare l´ambiente, lo possa deumidificare; succede infatti che, sebbene la temperatura non sia eccessiva, si abbia ugualmente una sensazione di caldo, dovuta proprio alla forte umidità che impedisce al sudore di evaporare, raffreddando così la superficie del corpo.

 

Mai troppo freddo

Seconda regola: non regolare il condizionatore a una temperatura troppo bassa, perché il freddo eccessivo – in particolare se ci si espone direttamente al getto d´aria – può provocare mal di schiena, torcicollo, paralisi facciali e addirittura attacchi di dissenteria accompagnati da crampi alla pancia.

In quest´ultimo caso è consigliabile bere molto per reidratare l´organismo, integrando i liquidi perduti.

 

Leggi anche : Tutto sul mal di schiena e il torcicollo

 

La temperatura ideale


La temperatura ideale su cui impostare il climatizzatore deve essere inferiore di 5 o 6 gradi rispetto a quella esterna, ma non di più, perché altrimenti il fisico sarebbe sottoposto a sbalzi difficili da sopportare.

A risentirne sono soprattutto le difese dell´organismo, che diventa così più esposto ai microrganismi di natura virale o batterica, causa di raffreddori e bronchiti.

 

Leggi anche: L’aria condizionata non fa male a patto che…

535 visite

Nuotare fa bene al cuore, ecco quanto e perchè

I ricercatori Usa hanno accertato che il nuoto riduce i rischi cardiovascolari a condizione che… Tutti le raccomandazioni per gli ipertesi che amano nuotare.

Al contrario  della fatica che facciamo quando nuotiamo, nuotare fa bene al cuore. Lo abbiamo imparato fin da piccoli, grazie alle raccomandazioni dei genitori: il nuoto è lo sport più completo, adatto a tutti, che fa bene a ogni parte del corpo e non ha praticamente controindicazioni.

Da adulti, aiuta a tenersi in forma bruciando le calorie in eccesso, tiene sotto controllo lo stress. In più, e qui è la notizia, fa bene al cuore: riduce i rischi cardiovascolari.

 

 

Lo studio sul nuovo e il cuore

 

A rivelare le virtù benefiche del nuoto per il cuore sono i risultati dello studio della University of Texas di Austin, negli Usa, pubblicato sulla rivista scientifica “American Journal of Cardiology“.

 

Leggi ancheinfarto, ecco le ore più rischiose

 

Scegliere di dedicarsi regolarmente alla disciplina olimpica per 3-4 volte a settimana dai 15 ai 45 minuti, può infatti abbassare la pressione e migliorare la funzione vascolare del cuore.

 

Giù la pressione

Secondo i ricercatori, che hanno esaminato 43 adulti con una vita sedentaria e una pressione arteriosa elevata, seguendo un programma di 3 mesi di nuoto moderato si riesce a far diminuire la pressione sanguigna sistolica di una media di 9 punti.

562 visite

Stomaco, 10 regole per proteggerlo in estate

Ecco il decalogo per proteggere lo stomaco dalle insidie della stagione calda dagli stravizi estivi stilate dai gastroenterologi.

Se volete un’estate senza disturbi allo stomaco  annotate questi consigli: scegliere cibi nutrienti, ma leggeri, fare più sport, aumentare le quantità giornaliere di acqua e ridurre alcol e caffè.

Sono alcune delle 10 regole che i gastroenterologi dell’Aigo, l’Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti ospedialieri, ha stilato per mettere in guardia contro le principali insidie di stagione: regimi ipocalorici drastici o sbilanciati, ma anche, all’opposto, gli eccessi alimentari. E ancora grande caldo, rischio disidratazione, sedentarietà.

Parola d’ordine: prendersi cura dell’apparato digerente durante l’estate. Come? Con questi dieci consigli facili, ma molto importanti.

 

Quanto sale ti serve a tavola? Scoprilo con IL TEST

 

10 regole per proteggere lo stomaco

1) DIETE. Evitare diete dimagranti drastiche, sfuggire il mito collettivo della “prova costume”. L’alimentazione deve essere bilanciata: ogni pasto deve contenere carboidrati, proteine, fibre e vitamine e pochi grassi, soprattutto quelli saturi.

2) ACQUA. Aumentare l’assunzione di acqua: costituisce la scelta migliore per placare la sete ed è un elemento chiave per mantenere il corpo in buona salute. Con alti livelli di umidità, il sudore non evapora rapidamente: questo impedisce al corpo di rilasciare calore in modo efficiente e quindi è necessario bere anche quando non si avverte sete.

 

Leggi anche: Quando dovremmo bere ogni giorno

 

3) GRASSI. Consumare pasti leggeri, nutrienti e non grassi; il grasso ha un effetto termico, cioè porta il corpo a produrre calore. È importante tenere presente che si può cucinare e condire cibi gustosi anche con solo uno o due cucchiai di olio di oliva extravergine a pasto.

4) BEVANDE. Evitare caffeina, bevande gassate o ad alto contenuto di zucchero. Contengono conservanti, coloranti e zuccheri.

 

Leggi anche: I pro e i contro delle bevande a zero-calorie

1.711 visite

Le vertigini? Ecco perchè colpiscono in vacanza

Quel senso di sbandamento che deriva dalle vertigini colpisce il 10 % degli italiani soprattutto di notte e in vacanza. Tutte le ragioni, le cause, i rimedi che devi sapere.

Quando diciamo “vertigini”, tendiamo subito a pensare a quella sensazione sgradevole che molte persone provano a una certa altezza dal suolo.

Ma le vertigini non sono un disturbo collegato esclusivamente a questo. Anzi: sono diverse le cause che possono provocarle. Molte delle quali particolarmente frequenti in estate.

Qualche esempio? Sbalzi di temperatura, cadute improvvise o traumi al collo, magari causati dagli sport estivi. O anche cure dimagranti fai-da-te.

 

Non servono farmaci

Tecnicamente si parla di “vertigine parossistica posizionale benigna” (Vppb), caratterizzata da violenti giramenti di testa spesso legati all´instabilità. “Ne soffre l´8-10% degli italiani”, spiega Giancarlo Cianfrone, ordinario di audiologia e foniatria all´università Sapienza di Roma e presidente dell´Associazione italiana per la ricerca sulla sordità onlus (Airs).

Questo tipo di vertigini, spesso di breve durata, circa 20-40 secondi, sono però parossistiche: vuol dire che i sintomi aumentano gradualmente fino a raggiungere un picco, per poi ridursi fino a scomparire del tutto.

 

 

Leggi anche: Il Tai Chi aiuta a risolvere le vertigini

 

Questi giramenti vorticosi possono esplodere improvvisamente anche quando si è in vacanza. Per curarli, però, non servono farmaci: “Bisogna affidarsi alle cure dello specialista, che può intervenire trattando le vertigine con manovre specifiche della testa”, precisa Cianfrone.

2.061 visite

Frittura di pesce, peccato di gola estivo

Frittura di pesce, peccato di gola estivo: come trasformare una ricetta ipercalorica in un piatto che ti puoi permettere.

Se c´è una tentazione della tavola estiva a cui è difficile dire di no, quella è la frittura di pesce. Un piatto che, al contrario di quello che si possa pensare, può benissimo far parte della nostra tavola in questa stagione. Senza troppi timori per la linea e per la salute. Basta solo osservare alcune precauzioni.

 

Stop ai falsi miti
Non è vero che il pesce fritto è indigesto e fa ingrassare. La frittura casalinga, fatta con l’olio giusto, assorbe una quantità di grasso non superiore al 10% del peso iniziale dell’alimento, quindi è abbastanza digeribile. Inoltre il pesce è un alimento leggero per eccellenza perché povero di colesterolo e ricco di grassi insaturi, proteine, vitamine e sali minerali.
In 100 grammi di frittura mista di pesce ci sono 146 calorie, 11,4 grammi di proteine, 10,5 grammi di grassi, 1,8 grammi di carboidrati e 60 mg di colesterolo. Insomma: non possiamo certo negare che il fritto sia un piatto ipercalorico e non proprio ideale per la dieta. Di sicuro, però, se lo mangiamo di rado e soprattutto a piccole dosi, non fa ingrassare. Quanto spesso? Una volta la settimana, al massimo due. E sempre accompagnandolo con una buona dose di verdura e frutta, nello stesso pasto, in modo da consentire all´organismo di compensare lo stravizio.

 

Leggi anche: Come friggere  senza far male al cuore

 

Piccoli trucchi
Un fritto sano, oltre che buono, parte dall´olio. Quello migliore è l´olio di oliva, perché contiene grassi monoinsaturi, ha un ottimo corredo di sostanze antiossidanti ed è il grasso vegetale con il più alto punto di fumo (180°). Può però lasciare sul fritto un retrogusto troppo deciso. In alternativa, quindi, usate l’olio di semi di arachidi (dal sapore più delicato): è l’unico olio di semi che anche alle temperature elevate non si altera e non forma quei radicali liberi che accelerano i processi d’invecchiamento dell’organismo.
E ancora. Usate sempre la carta assorbente, per eliminare il grasso in eccesso: rivoltate il fritto da tutti i lati e poi adagiatelo su fogli puliti. Ricordatevi però di non coprirlo con altra carta, per evitare la formazione di vapore che lo renderebbe molle.

 

Leggi anche: Strappi alla regola, anche a dieta si può

 

Le dritte dello chef
Infine, qualche consiglio “rubato” a uno dei maestri della cucina italiana: lo chef Moreno Cedroni.

1) I pezzi da friggere devono essere piccoli, per cuocere meglio e assorbire meno grasso. I pesci piccoli, dunque, possono essere  fritti interi, mentre i grandi vanno ridotti a filetti.

2) Versate nella padella almeno 5/6 cm di olio e mantenetelo a una temperatura di 180 /190° (controllate col termometro oppure gettando un pezzetto di pane nella padella). Il pesce da friggere non deve essere freddo per non abbassare troppo la temperatura dell’olio, va messo in padella poco alla volta e non deve rimanerci più di 1-2 minuti, altrimenti assorbe troppo grasso.

3) I pesci piccoli vanno salati  subito dopo la frittura, quelli grandi sia prima che dopo.

4) Va mangiato caldissimo (potete mantenerlo tale mentre finite di cucinare, appoggiandolo nel forno caldo e lasciando lo sportello aperto). Va accompagnato da un vino dalla vena acida, come il verdicchio o un bianco frizzante.

 

Hai la stoffa dello Chef? Scoprilo con IL TEST

}