• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.346 visite

Incubi, le donne ne hanno piA? degli uomini

Ecco quando e perchà a lei capita spesso di fare brutti sogni

Fare un brutto sogno non piace a nessuno. Avere gli incubi durante il sonno notturno è capitato a tutti ed è sempre una brutta esperienza. Chi perA? può dire a pieno titolo di averla vissuta più spesso sono le donne: sà, perchè secondo la scienza gli incubi sono molto più frequenti nell’universo femminile. E più paurosi, addirittura terrificanti. Nelle donne, più colpite rispetto agli uomini, lasciano un segno più incisivo, quasi indelebile. Lo dice la scienza, attraverso uno studio condotto da un gruppo di psicologi della University of the West of England, in Gran Bretagna.

 

 

Lo studio
Secondo i ricercatori, responsabile del numero e dellA?intensità inquietante degli incubi sarebbe lA?aumento della temperatura corporea causata ogni mese dallA?arrivo del ciclo mestruale.
Secondo Jennie Parker, coordinatrice dello studio, gli incubi aiutano il cervello a provare le sensazioni di desolazione di eventi preoccupanti che è possibile incontrare in futuro. “Una delle cose che la gente fa”, ha osservato la ricercatrice, “A? mettere tutti questi sogni sotto il termine incubi. Ma ce sono diversi tipi e le donne ne hanno di più”.

 

 

I 3 tipi di incubo
I ricercatori hanno classificato almeno tre tipi di incubo ricorrente che possono aiutare il cervello a provare a reagire a situazioni difficili o pericolose: essere inseguiti; perdere un genitore, un figlio o un partner; sognare ambienti strani e nuovi.
In una donna, in genere, la temperatura aumenta dopo lA?ovulazione – a metà del ciclo mensile – e diminuisce poco prima dellA?inizio dellA?ovulazione. “Le donne che si trovano nella fase premestruale -ha spiegato Parker – tendono a fare sogni più aggressivi e hanno maggiori probabilità’ di ricordarli il giorno dopo”.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}